Tatuaggio: cosa fare se voglio toglierlo

Tatuaggio: cosa fare se voglio toglierlo

Farsi togliere un tatuaggio è impresa tutt’altro che semplice

Avete un tatuaggio e volete cancellarlo del tutto o metterne un altro? Si può fare, ma a costo di qualche problema e un impegno economico non certo da poco.

Intanto c’è da dire che i pentiti del tatuaggio non sono per nulla pochi, se solo negli Stati Uniti, quasi ogni anno, più di diecimila persone si rivolgono ai centri specializzati per farsi cancellare un tatuaggio che non vogliono più. Una bazzecola, sia chiaro, in confronto ai 45 milioni di persone che sempre negli USA risultano tatuate, ma non certo un dato insignificante, a riprova che farsi fare un tatuaggio non dovrebbe essere una metodica da porre in atto senza alcuna considerazione, anzi….

Ma come si fa a togliere un tatuaggio?
Un tempo si ricorreva alla crioterapia, ovvero all’utilizzo del freddo, o in alternativa, si utilizzava la dermoabrasione; entrambe le metodiche, però, finivano per scontentare il paziente per via delle estese cicatrici che procuravano. Oggi si preferisce senz’altro il laser che, oltretutto, consente di modulare i fasci di luce in base ai colori utilizzati per il tatuaggio che finisce per scomparire per vaporizzazione.

Ma anche il laser non fa miracoli, intanto perché per togliere un intero tatuaggio potrebbe occorrere anche un anno, visto che le sedute devono essere ripetute ogni mese e, visto anche,che ne possono occorrere una decina e oltre, il conto è bello che fatto. C’è anche da dire che ogni tatuaggio è diverso dall’altro, in quanto a distinguerli è il colore del soggetto raffigurato, il tempo in cui è stato fatto e la dislocazione dove è stato posizionato, tenendo presente che se si trova in zone del corpo che ricoprono articolazioni, per via delle pieghe che in esse vi si formano, pensiamo a polsi e caviglie, il lavoro per cancellarlo si fa più complicato e lungo.

Chi è abilitato a togliere i tatuaggi
Solo il dermatologo è il professionista più indicato e persino abilitato a togliere i tatuaggi; evitate di rivolgervi a certi praticoni che vi assicurano di saperlo fare; togliere un tatuaggio è difficile e richiede molta esperienza e competenza. Oltretutto è quasi impossibile che chi non svolge la professione di medico dermatologo disponga di un laser per la pelle, per non contare che, solo un medico può fronteggiare eventuali problemi insorti durante l’operazione di cancellazione del tatuaggio, uno per tutti e potrebbe anche essere il più grave, una reazione allergica che dovrà essere trattata con tempestività. Inoltre, laddove si verificasse un eritema, è meglio che sia il dermatologo a trattarlo con le cure specifiche, poiché, togliere un tatuaggio può anche essere fastidioso per via del dolore locale che si avverte nei punti d’azione del fascio di luce del laser, con conseguente prurito, ad operazione ultimata e relativa terapia.

Sarà sempre il dermatologo che sta procedendo all’eliminazione del tatuaggio a consigliarvi lo stile di vita da adottare per preservare quelle zone della pelle su cui è stato rimosso il tatuaggio stesso. Per esempio, il medico potrebbe ritenere necessaria una terapia antibiotica per evitare infezioni dovute allo stress della pelle trattata, oppure darvi consigli su come e quando esporvi all’azione diretta dei raggi del sole e se d’estate se potete recarvi al mare.

Infine, i costi; essendo la cancellazione del laser un’operazione lunga e, come visto, spesso complicata ed essendo a totale carico dell’assistito, potrebbero occorrere, per un’operazione completa, anche qualche migliaio di euro…..

Conclusione, bisognerebbe riflettere a lungo prima di decidere di farsi tatuare, visto che già, in sede di impianto, l’operazione non è esente da rischi, alcuni anche molto seri, chi decide di farsi disegnare una qualsiasi figura sulla pelle, dovrebbe sapere che una volta stancatosi, del soggetto raffigurato, toglierlo, pur essendo possibile, richiede impegni diversi, anche economici, come ben visto, che dovrebbero far riflettere seriamente sull’opportunità di consentire a terzi, di agire sulla nostra pelle.

678

Leggi anche:Cerume: come si forma, pulizia e cosa fare se è eccessivoValori pressione: come capire se è bassa o alta e cosa fareCoronarie: fare la Tac solo se veramente necessarioChirurgia estetica: regole per decidere se fare il lifting

Fonte | New York Times

Segui Tanta Salute

Dom 08/07/2007 da in ,

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Rimuovitatuaggi.it 14 agosto 2010 06:58

Ottimo articolo: solo per precisare che la durata e la ricorsività delle sedute laser ovviamente dipende dalle carattersitiche e dall’estensione del tatuaggio da rimuovere. Invitiamo a consultare il nostro portale rimuovitatuaggi.it per approfondimenti in materia.

Rispondi Segnala abuso
Seguici