NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Talidomide: torna lo spettro degli anni cinquanta e sessanta

Talidomide: torna lo spettro degli anni cinquanta e sessanta

Per molti la sola menzione di questo farmaco evoca terrori ancestrali, eppure torna ad essere prescritta la Talidomide

da in AIFA, Farmaci, Gravidanza, Nausea, Tumori, Vomito
Ultimo aggiornamento:

    Talidomide

    Corsi e ricorsi storici? Forse, ma la vicenda della Talidomide rischia di aprire un vespaio laddove si è deciso di riporre in vendita il farmaco, su direttiva dell’Enea, l’Agenzia europea dei medicinali, che ha dato vita, negli anni cinquanta e sessanta, ad una popolazione di oltre diecimila focomelici laddove si utilizzava la molecola ed ad un numero imprecisato di aborti. Ciò in quanto, l’efficacissimo farmaco antinausea utilizzato in gravidanza se è vero che aveva una sua validità d’azione visto che riusciva a contrastare gli effetti che la gravidanza naturalmente determina, come, appunto, la nausea ed il vomito, vero è anche che presentava una sequela di effetti collaterali sconosciuti allora, per lo più teratogeni, col risultato che un numero cospicuo di bambini, nacque privo di arti.

    Eppure, nonostante ciò si riprende a parlare del farmaco con la possibilità di reintrodurlo sul mercato consentendone la prescrizione, il motivo è dovuto al fatto che la sostanza attiva sarebbe in grado di allungare l’esistenza di quei malati terminali colpiti da mieloma multiplo, una grave neoplasia del sangue secondo per diffusione solo dopo il linfoma non-Hodgkin e che riguarderebbe una popolazione di ammalati di età compresa fra i 50 ed i 70 anni cui, purtroppo sono costretti a fare i conti 3.500 nuovi pazienti ogni anno, attualmente il tumore è rappresentato da 8.500 malati.

    C’è anche da dire che il farmaco non è nuovo per aver avuto effetti terapeutici positivi anche contro la lebbra e certe forme tumorali come terapia palliativa applicata in certe zone del mondo ove è stato utilizzato.

    Di contro, dall’Inghilterra parte una crociata contro la Talidomide; a promuoverla, proprio le stesse vittime del farmaco, colpite quando erano ancora allo stato embrionale

    334

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AIFAFarmaciGravidanzaNauseaTumoriVomito
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI