Stress: malattia causata dal lavoro

Dalla fine di quest’anno entrerà in vigore una legge, messa a punto sia da un punto di vista politico, giuridico e sanitario, per tutelare i lavoratori dalle malattie professionali

da , il

    stress lavoro malattia

    Lo stress, è considerato sempre più una malattia vera e propria, causata soprattutto dal posto di lavoro. Data questa convinzione generale, a fine anno, entrerà in vigore una legge, per mettere un po’ d’ordine nelle aziende e nei posti di lavoro, per tutelare la salute dei lavoratori. Tra i problemi che minacciano lo stato di salute, il precariato è considerato tra i primi fattori di rischio. La nuova normativa, rappresenterà uno scossone per l’Italia, che prenderà in considerazione diritti e doveri del tutto inediti. Secondo questa legge, in accordo anche con le Asl, i datori di lavoro dovranno controllare e monitorare i propri dipendenti, segnalando nel caso i disagi per prevenire lo stress.

    Dato che la normativa partirà dal 31 dicembre di quest’anno, i controlli dovranno iniziare da quella data. Dopo di che non ci sarà una regola temporale di quanto e quando fare le segnalazioni. Potrebbe anche essere che non ci sia bisogno di nessun provvedimento. Comunque chi di dovere dovrà stare attento a qualsiasi tipo di “avviso sentinella”. Quali possono essere questi segnali? Le assenze dal posto di lavoro per malattia, infortuni, cambi-turno, lamentele di ogni genere da parte del dipendente, possono essere tutti dei segnali sul disagio presente in quell’ambiente.

    Nel caso in cui dovessero emergere una serie di disagi e di conflitti, secondo la normativa il lavoratore potrà rivolgersi ad un giudice per lo stress provocatogli. Tutto quello che accadrà, da quando entrerà in vigore la legge, sul posto di lavoro dovrà essere documentato, compilando una serie di moduli, per essere nel giusto davanti alla legge, e per far in modo che i lavoratori possano essere tutelati da un punto di vista sanitario. Secondo le statistiche gli ambiti lavorativi più a rischio sono il campo sanitario e quello dell’istruzione.