Stress: difendersi con una buona relazione materna

Stress: difendersi con una buona relazione materna

I bambini che stabiliscono una relazione con la madre fondata su un attaccamento sicuro sono più capaci di rispondere allo stress in maniera adeguata

da in Benessere, DNA, Mente, Psicologia, Ricerca Medica, Stress
Ultimo aggiornamento:

    mente

    Si sa che lo stress è diventato una vera e propria patologia principalmente legata ai ritmi della vita moderna. Ma i modi per difendersi ci sono e uno di questi è quello che consiste nello stabilire una buona relazione madre – bambino. Quest’ultima è estremamente importante per fornire al piccolo sicurezza e incide profondamente nello sviluppo psicologico in grado di condizionare l’individuo nel corso della sua vita.

    In particolare una buona relazione stabilita tra la madre e il bambino è in grado di permettere una adeguata gestione dello stress. Ciò sembra verificarsi anche in quei soggetti che sembrano essere geneticamente predisposti ad attivare maggiormente e in maniera eccessiva i sistemi biologici coinvolti nella risposta a stimoli stressanti.

    Lo studio che dimostra quanto detto è stato pubblicato sulla rivista “The Journal of Child Psychology and Psychiatry”. I ricercatori hanno preso in considerazione più di 100 bambini tra i 12 ed i 18 mesi, cercando di capire quanto incideva sullo stress l’azione dei geni e la relazione madre – bambino. In particolare gli studiosi hanno esaminato le variazioni di specifici indicatori biologici di stress in seguito in base allo stile di attaccamento e ai geni.

    I bambini più capaci di gestire lo stress sono risultati essere quelli che avevano stabilito con la madre una relazione basata sull’attaccamento sicuro e che erano in gradi di contare proprio sulla disponibilità materna.

    In questo caso non mostravano una risposta iperattiva allo stress dal punto di vista fisiologico ed erano più capaci emotivamente di rispondere ai fattori stressanti in maniera adeguata.

    Immagine tratta da: irisbimbo.it

    312

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereDNAMentePsicologiaRicerca MedicaStress
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI