NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Strabismo: tipologie, cause e cura

Strabismo: tipologie, cause e cura

Dello strabismo esistono tante tipologie, dall’esotropia all’exotropia

da in Occhi
Ultimo aggiornamento:

    strabismo tipologie cause cura

    Nello strabismo uno o tutti e due i bulbi oculari sono deviati. Si può avere una deviazione verso l’interno, che viene chiamata esotropia, oppure una verso l’esterno, che prende il nome di exotropia. Il disturbo può essere tipico dei neonati e dei bambini e può essere corretto attraverso l’uso degli occhiali. Quando tutto ciò si rivela inefficace, bisogna ricorrere all’intervento chirurgico. Ne esistono tante tipologie: paralitica, non paralitica, concomitante. Le cause sono da rintracciare nell’ereditarietà, in anomalie oculari o in difetti rifrattivi. Per la cura occorre intervenire tempestivamente con opportuni controlli medici e, in caso, con la terapia chirurgica.

    Le tipologie

    Esistono differenti tipologie di strabismo. Quello paralitico ha come sintomo principale la diplopia, che spesso è accompagnata da vertigini e difficoltà di orientamento. Si vede come a volte il soggetto abbia la tendenza a mantenere la testa inclinata. La causa del problema è un’inefficienza di un muscolo oculare, che si manifesta per una lesione, per un trauma o per un fenomeno infiammatorio. Nello strabismo non paralitico i muscoli conservano la loro funzionalità, ma intervengono fattori nervosi. In questi casi si può incorrere nello strabismo latente, quando l’alterazione si ha soltanto in determinate condizioni. Se, invece, essa è ben visibile sempre, siamo in presenza di uno strabismo concomitante manifesto. In questo caso il quadro sintomatologico è chiaro: stanchezza visiva, mal di testa, bruciore degli occhi, fotofobia. I tipi di strabismo concomitante sono tre: accomodativo, tonico e misto.

    Ciò che cambia è l’alterazione del rapporto convergenza-accomodazione. C’è pure lo strabismo di Venere, che consiste in un disallineamento della pupilla.

    Le cause

    Le cause dello strabismo possono essere varie. Si può trattare di un fenomeno ereditario in diversi casi di strabismo infantile. Comunque non è solo l’ereditarietà che predispone al disturbo, perché, in genere, possono intervenire delle anomalie oculari, dei difetti rifrattivi, i quali magari non vengono corretti. Ad esempio, l’ipermetropia frequentemente può causare uno strabismo convergente. Un’altra causa comune è la visione ridotta di un occhio, che impedisce ai due occhi di collaborare fra di loro. E’ il fenomeno dell’occhio pigro; in questi casi, si può determinare uno strabismo divergente. Altre volte intervengono delle paresi di origine cerebrale o che interessano uno dei muscoli oculari.

    La cura

    La cura per lo strabismo non deve essere trascurata, perché, fin da piccoli, bisogna essere sottoposti a dei controlli medici precisi. Solo in questo modo si può comprendere se è il caso di indossare delle lenti, per aiutare ad acquisire una piena funzionalità visiva. Più precoce è la diagnosi, maggiori possono essere i risultati. Di solito, si dovrebbe cercare di intervenire già a partire dai 2 anni, perché dopo 6 o 7 anni ogni azione può risultare poco benefica. Nei casi più gravi, specialmente quando non si riesce ad intervenire con le lenti, può essere necessario sottoporsi ad un intervento. Quest’ultimo, comunque, a differenza di quanto si possa pensare, non comporta la possibilità di evitare di usare gli occhiali, che dovranno essere indossati anche dopo l’operazione.

    620

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Occhi
    PIÙ POPOLARI