Stop alle fratture: campagna di prevenzione per over 65

Stop alle fratture: campagna di prevenzione per over 65

Per richiamare l’attenzione delle donne, soprattutto over 65, sul rischio frattura legato alla fragilità ossea, “Stop alle fratture” offre visite specialistiche gratuite

da in Fratture, Malattie, Ossa, Osteoporosi, Sanità
Ultimo aggiornamento:

    Stop alla fragilità ossea

    Per accendere i riflettori su un problema spesso sottovalutato, per sensibilizzare le vittime preferite delle fratture e della fragilità ossea, cioè le donne over 65 con una frattura di femore pregressa sui rischi legati a un’eventuale altra rottura dell’osso, parte la campagna “Stop alle fratture”, promossa dalle società scientifiche che si occupano di malattie metaboliche dell’osso.

    Una campagna per informare, sensibilizzare, ma non solo: “Stop alle fratture” mette anche in contatto diretto le donne più a rischio con gli specialisti, offrendo la possibilità a tutte le pazienti interessate di sottoporsi gratuitamente a una visita, ricevendo consigli, consulenza, diagnosi, suggerimenti per la terapia e la prevenzione.

    Le fratture del femore sono una realtà, dati alla mano, sempre più preoccupante, in Italia, dove si registrano ogni anno ben 94.000 ricoveri nella sola popolazione over 65 anni. Un numero davvero impressionante, soprattutto alla luce di un’altra percentuale eloquente: nel 75% dei casi la frattura al femore colpisce una donna.

    Numeri chiari e la tendenza, secondo gli esperti, è al rialzo: la percentuale di incidenza delle fratture al femore è destinata a subire un ulteriore aumento nei prossimi anni.

    La fragilità ossea e il pericolo fratture sempre più diffuso rischiano di avere riflessi davvero deleteri anche sulla qualità di vita delle pazienti interessate e sul bilancio del Servizio Sanitario Nazionale, che deve farsi carico delle spese di ricoveri, operazioni e riabilitazioni.

    Per sapere tutto sull’iniziativa promossa, da Siommms (Società italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro), Siot (Società italiana di Ortopedia e Traumatologia), Sir (Società italiana di Reumatologia), Ortomed (Società italiana di Ortopedia e Medicina) e Gisoos (Gruppo italiano di Studio in Ortopedia dell’Osteoporosi Severa), basta cliccare su www.stop-alle-fratture.it.

    378

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FrattureMalattieOssaOsteoporosiSanità
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI