Stampanti in casa? No, grazie!

Stampanti in casa? No, grazie!
da in Asma, Inquinamento, News Salute, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    MisuratoreMicroparticelle

    Le microparticelle emesse dalle stampanti laser sono dannose tanto quanto il fumo passivo, lo dimostra uno studio effettuato dalla Queensland University of Tecnology dell’Australia. La ricerca e’ stata condotta misurando i valori delle microparticelle che si accumulano negli ambienti poco aerati in seguito alla funzione di stampa delle macchine.

    “La somiglianza fra il fumo delle sigarette e l’inalazione delle particelle che provengono dalle stampanti consiste nella loro concentrazione negli ambienti poco aerati e nelle micro dimensioni delle particelle rilasciate nell’ambiente dopo il lavoro delle macchine usate per stampare. Le particelle emesse dalle stampanti infatti, come quelle che derivano dal fumo di sigaretta, sono di dimensioni molto ridotte pari a < 0.1 micrometri. Essendo cosi' piccole esse possono penetrare nelle piu' profonde parti dell'apparato respiratorio, arrivando fino ai bronchi e ai bronchioli." Ha spiegato Lidia Morawska, direttrice del Laboratorio Internazionale per la Qualita' dell'Aria e per la Salute.

    Il problema e’ scottante, se si considera il numero di stampanti in uso negli uffici e nelle case private, dove non sempre c’e’ la possibilita’ di installare un impianto di aerazione adeguato alle necessita’; non tutte le stampanti poi sono uguali, lo studio evidenzia bene la differenza tra le varie marche e i vari modelli di stampante, per quanto concerne il rilascio di particelle nell’aria durante la stampata.

    La ricerca si sta proponendo di esaminare precisamente i fattori di rischio per la salute umana dovuti a questo inquinante relativamente nuovo, che potrebbe essere causa di malattia per un numero molto alto di impiegati e lavoratori che sostano a lungo in questi ambienti malsani.

    “Un numero sempre maggiore di studi di letteratura medica tossicologica tende ad evidenziare il rischio per la salute causato dall’inalazione di queste microparticelle.” Prosegue la ricercatrice. Ma il fenomeno e’ cosi’ grave? A quanto pare si’, perche’, ha concluso la ricercatrice, “Le concentrazioni di microparticelle delle stampanti possono raggiungere gli stessi livelli di concentrazione delle microparticelle residue del fumo passivo.”

    Il Sito: International Laboratory for Air Quality and Health

    360

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AsmaInquinamentoNews SaluteRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI