Staminali: creato per la prima volta tessuto intestinale

Staminali: creato per la prima volta tessuto intestinale

Un recente studio americano ha fatto una scoperta importante e speriamo, in un futuro, possibile terapia, sull’uso di cellule staminali per creare tessuto intestinale

da in Apparato gastrointestinale, Cellule Staminali, Infezioni, Malattie, News Salute, Primo Piano, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    staminali tessuto intestinale

    Un importante studio ha creato, per la prima volta, tessuto intestinale da cellule staminali. Lo studio eseguito da un team di ricercatori americani, del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center, è stato pubblicato sulla rivista Nature. Per la prima volta da cellule staminali pluripotenti si è ottenuto un tessuto caratterizzato da una composizione cellulare simile a quella dell’intestino. Una ricerca e scoperta molto importante per tutti quei pazienti con gravi patologie intestinali.

    Tra le malattie irreversibili e fatali, che, purtroppo colpiscono soprattutto i neonati con esito negativo e fatale, è l’enterocolite necrotizzante. Tale patologia è caratterizzata dalla necrosi della mucosa intestinale, in particolar modo dell’ileo terminale. L’enterocolite è causata, soprattutto da tre fattori: l’ischemia intestinale, l’alimentazione, e infezioni batteriche.

    Purtroppo è la malattia più grave nei neonati, a livello dell’apparato digerente, ed anche la più frequente. Secondo le statistiche tale patologia colpirebbe circa il 3% dei nati vivi e dall’1 al 5% dei ricoverati nelle terapie intensive.

    Una terapia caratterizzata da cellule staminali pluripotenti riuscirebbe a rendere l’enterocolite necrotizzante non più irreversibile. Gli studi e le ricerche continueranno; ci vorranno ancora diversi anni per giungere alla conclusione degli studi, per rendere questa procedura terapeutica più sicura ed efficace. Il dottor James Wells, che ha guidato i ricercatori di questo studio, sottolinea l’importanza di quest’ultimo, e l’originalità della ricerca, che dovrà andare avanti per aiutare i piccoli pazienti.

    291

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Apparato gastrointestinaleCellule StaminaliInfezioniMalattieNews SalutePrimo PianoRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI