NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Sport: l’attività fisica migliora l’umore

Sport: l’attività fisica migliora l’umore

Una buona dose di attività fisica intensa può essere un vero toccasana per il corpo, muscoli e articolazioni, ma non solo: anche la mente, ma, soprattutto, l’umore ci guadagna

da in Benessere, Mente, Ricerca Medica, Sport
Ultimo aggiornamento:

    Sport, alleato del buonumore

    Lo sport, l’attività fisica intensa è un vero toccasana non solo per i muscoli e la linea, potrebbe essere anche un potente alleato del’umore. Muoversi anche per stimolare positivamente l’umore, non solo l’apparato muscolo-scheletrico e le articolazioni: ecco quanto è emerso da una recente ricerca britannica.

    Attività fisica vigorosa, toccasana per il corpo, ma, soprattutto, per la mente? Proprio così, almeno stando alle evidenze dello studio condotto dal team di scienziati britannici della Manchester Metropolitan University, presentato nel corso dell’annuale conferenza della British Psychological Society a Glasgow.

    Si bruciano calorie, si tonificano i muscoli, si espellono tossine e si dà una “botta di vita” all’umore, migliorandolo sensibilmente. Gli esperti d’oltremanica, per individuare questo legame a doppio filo tra umore e sport, hanno esaminato 11 persone, invitandole a prendere parte a due sessioni di attività, una moderata e l’altra intensa, della durata di circa 20 minuti.


    Monitorando attentamente reazioni e riflessi sull’umore dei partecipanti, prima, durante e dopo le sessioni di attività fisica, gli scienziati hanno evidenziato un dato molto interessante: i volontari che hanno fatto esercizio fisico moderato non hanno mostrato miglioramenti nello stato d’animo, mentre dopo i 20 minuti di esercizio intenso, si sono riscontrati effetti positivi sul livello dell’umore.

    “Questi risultati hanno implicazioni per l’intensità di esercizio raccomandata per sperimentare dopo un buon benessere emotivo” ha sottolineato Nickolas Smith, il ricercatore che ha coordinato lo studio.

    312

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereMenteRicerca MedicaSport
    PIÙ POPOLARI