NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Sport e salute: tai chi, alleato del cuore

Sport e salute: tai chi, alleato del cuore

Il Tai chi è un vero alleato di salute e benessere, soprattutto quando si tratta di pazienti affetti da insufficienza cardiaca: la disciplina orientale migliora la qualità di vita

da in Benessere, Cuore, Malattie, Ricerca Medica, Sport
Ultimo aggiornamento:

    Tai chi, toccasana per il cuore

    Il Tai Chi non è solo un toccasana per la mente e per la forma fisica: secondo i risultati di una ricerca statunitense, l’antica arte orientale potrebbe essere anche un valido alleato della salute del cuore, un vero toccasana per le migliaia di persone costrette a fare i conti con l’insufficienza cardiaca. Dedicare settimanalmente parte del proprio tempo libero alla ritualità, tipicamente orientale, di questa disciplina, potrebbe essere la strategia di supporto ideale in caso di insufficienza cardiaca.

    Praticando il Tai chi, almeno due volte la settimana, secondo gli esperti d’oltreoceano, dell’Harvard Medical School di Boston, che hanno condotto lo studio, pubblicato su Archives of Internal Medicine, il cuore ci guadagna e la qualità di vita dei pazienti affetti da insufficienza cardiaca migliora.

    Unica disciplina sportiva concessa, unico esercizio fisico concesso, secondo gli esperti di Boston, il Tai chi sarebbe addirittura una pratica da consigliare alle persone che soffrono di questo disturbo cardiaco. La sperimentazione a stelle strisce è stata condotta su 100 soggetti affetti da insufficienza cardiaca sistolica, monitorati attentamente nell’arco di un perido di tempo piuttosto ampio, dal 2005 al 2008, e suddivisi in due gruppi, uno dei quali ha partecipato regolarmente a lezioni di Tai chi.


    Verificando i risultati, al termine della ricerca, gli effetti benefici della disciplina orientale sono risultati evidenti: rispetto al gruppo di controllo, i pazienti che si sono avvicinati al Tai chi, praticandolo due volte la settimana, hanno avuto un miglioramento sensibile della qualità di vita.

    “I pazienti con insufficienza cardiaca sistolica cronica sono sempre stati considerati troppo fragili per poter praticare esercizi fisici. Il Tai Chi, invece, risulta sicuro, e può aiutarli a svolgere le attività quotidiane e a migliorare la qualità della vita e l’umore” hanno evidenziato gli autori dello studio.

    375

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereCuoreMalattieRicerca MedicaSport
    PIÙ POPOLARI