Sonno: non è messo in pericolo dallo stare su internet

Sonno: non è messo in pericolo dallo stare su internet

Secondo una recente ricerca il trascorrere il proprio tempo su internet non inciderebbe sulle ore di sonno che servono per riposare bene

da in Adolescenti, Benessere, Psicologia, Ricerca Medica, Sonno
Ultimo aggiornamento:

    internet

    Internet per molti è diventata un’abitudine quotidiana. Chattare, controllare la propria posta elettronica, frequentare le reti sociali. Ma non rischiamo di togliere tempo al sonno, visto che spesso si sta su internet la sera anche fino a tardi? Secondo una ricerca dell’Università del New Hampshire il sonno dei navigatori in rete non ne risentirebbe.

    Nello studio in questione sono stati coinvolti 1250 studenti e si è scoperto che coloro che passano molto del loro tempo su internet non dormono per un numero inferiore di ore rispetto a coloro che non si dedicano alla frequentazione dei social network e delle altre forme di intrattenimento on line. Sia gli uni che gli altri riposano circa 7 – 8 ore a notte. Tutto nella norma quindi, a smentire le ipotesi di chi vede nella rete un attentatore anche alla salute dei suoi appassionati.

    E’ vero che volte si può andare a dormire un po’ dopo, presi dal desiderio di continuare ad esplorare il vasto mondo del web, ma non sembra che tutto questo abbia ripercussioni rilevanti sul benessere degli utenti di internet. In realtà ci sono numerosi altri fattori che possono incidere molto sulle abitudini di riposo dei ragazzi.

    Come chiarisce la ricerca, un elemento determinante sembra essere l’età.

    Gli studenti più grandi in media tendono a dormire di meno rispetto a quelli più piccoli. Tutto ciò è rapportabile ad un coinvolgimento maggiore in altri impegni che porterebbero ad usufruire di qualche ora di sonno in meno.

    Possono stare dunque tranquilli tutti quei genitori che hanno dei figli dediti alla passione per internet. Il buon senso ovviamente gioca un ruolo fondamentale anche in questo caso, per cui è opportuno porsi dei limiti, anche se non ci sono rischi così incombenti.

    Immagine tratta da: blog.panorama.it

    370

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AdolescentiBenesserePsicologiaRicerca MedicaSonno
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI