NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Sonno: adolescenti insonni per la tecnologia attiva

Sonno: adolescenti insonni per la tecnologia attiva

La tecnologia attiva usata dagli adolescenti rischia di mettere a rischio il loro sonno, rendendo i giovani affetti dalla sindrome da sonno insufficiente con conseguenze non trascurabili per la salute

da in Adolescenti, Benessere, Insonnia, News Salute, Primo Piano, Sonno
Ultimo aggiornamento:

    sonno adolescenti tecnologia attiva

    La questione del sonno degli adolescenti è molto dibattuta, anche perché spesso essi si ritrovano insonni a causa della tecnologia attiva. Internet, la televisione, i cellulari, li troviamo spesso nelle camere dei ragazzi, che finiscono di frequente con il lasciarsi distrarre da questi strumenti tecnologici, non prestando la giusta attenzione al loro riposo.

    Una specifica ricerca a questo proposito ha messo in evidenza che il sonno degli adolescenti è a rischio a causa di iPad e cellulari. In seguito alle notti insonni gli adolescenti trovano difficoltà durante la loro giornata, perché sottoposti ad una continua sonnolenza anche a scuola. Nonostante altri studi si siano posizionati in senso contrario, affermando che il sonno non è messo in pericolo dallo stare su internet, navigazione in rete, sms, e-mail, videogiochi non si dimostrano particolarmente validi per favorire il rilassamento e quindi la preparazione ad un sonno ristoratore.

    Fabio Cirignotta, direttore del Centro di Medicina del Sonno del Policlinico S. Orsola di Bologna, chiarisce:

    I giovani fino a 30 anni sono spesso vittime della “sindrome da sonno insufficiente“, disturbo provocato dalla volontaria riduzione delle ore di riposo. Ciò che manca in questi casi è una corretta igiene del sonno: per colpa di cattive abitudini adottate durante la giornata, addormentarsi diventa un’impresa. Alla sera, ad esempio, il sistema nervoso deve “regolarsi verso il basso” per prepararsi al sonno: bisogna scegliere attività rilassanti e sgombrare la testa dalle preoccupazioni, perché tutto ciò che mantiene attivo il cervello allontana il riposo.

    In caso contrario le conseguenze possono essere diverse: ansia, irritabilità, disturbi dell’umore, tendenza a ingrassare, livelli più alti di glicemia e di pressione.

    342

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AdolescentiBenessereInsonniaNews SalutePrimo PianoSonno
    PIÙ POPOLARI