Solidarietà e ricerca: galà per la sclerosi multipla

Solidarietà e ricerca: galà per la sclerosi multipla

Un galà di beneficenza e solidarietà: Renzo Arbore sale sul palco milanese del Teatro Smeraldo, il 21 marzo, per raccogliere fondi a favore della ricerca sulla sclerosi multipla, a favore dell’Acesm

da in Malattie, News Salute, Sclerosi multipla
Ultimo aggiornamento:

    Galà di solidarietà per la sclerosi multipla

    Un galà dal successo assicurato e dallo scopo davvero nobile: la solidarietà, il 21 marzo, al Teatro Smeraldo di Milano, ha il volto di Renzo Arbore e della sua Orchestra Italiana, che promettono di regalare uno spettacolo unico, a favore della ricerca contro la sclerosi multipla. Arte, spettacolo, musica, divertimento e beneficenza sono gli ingredienti di questo appuntamento milanese da non perdere.

    Aiutare chi ne ha bisogno, esporsi, mettere la propria arte e la propria professionalità al servizio degli altri è una sorta di obbligo, come ha sottolineato lo stesso Renzo Arbore “la solidarietà è un dovere soprattutto per chi, come me, fa un lavoro d’evasione e che diverte”. E’ con questo intento che l’artista e la sua Orchestra Italiana regalano una serata al pubblico e alla ricerca italiana per la sclerosi multipla, una patologia cronica, degenerativa e invalidante, che in Italia colpisce circa 60 mila pazienti.

    Un appuntamento con la solidarietà da non perdere, lo show festeggia i primi 25 anni di vita dell’Associazione Amici del Centro sclerosi multipla dell’ospedale San Raffaele di Milano (Acesm Hsr Onlus), una delle strutture più attive nella battaglia quotidiana contro questa malattia. Tutto l’incasso dell’evento del capoluogo lombardo, condotto da un volto noto del piccolo schermo, Lorena Bianchetti, sarà devoluto ad Acesm.


    “Trovo giusto che gli artisti offrano il loro contributo alla ricerca scientifica. Ho un cugino nella mia città, a Foggia, che ormai ha più di 60 anni ma è rimasto fermo a 6 anni. E’ il mio cugino prediletto, per cui conosco bene il problema delle malattie invalidanti” ha sottolineato Arbore, che sembra aver ereditato questo altruismo dal padre, medico, direttore del tubercolosario di Foggia.

    349

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MalattieNews SaluteSclerosi multipla
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI