Sole: attenzione alle scottature

Sole: attenzione alle scottature

Il sole scotta si sa, ma non sono sole le temperature a essere roventi, anche la pelle potrebbe scottarsi sotto i raggi Uv: eritemi e scottature sono un rischio da non sottovalutare

da in Benessere, Estetica e Trattamenti, In Evidenza, Scottature, Sole
Ultimo aggiornamento:

    Occhio alle scottature sotto il sole

    Può succedere, soprattutto in questi giorni di luglio rovente, che l’esposizione al sole si trasformi in una “cocente” scottatura: la pelle diventa talmente rossa da assumere sfumature quasi fluorescenti, violastre e accese. Tutta colpa del sole, ma, soprattutto, dell’esposizione sconsiderata, eccessiva e scorretta. Infatti i raggi ultravioletti emessi dal sole possono trasformarsi in una vera e propria arma a doppio taglio, abbronzano ma non solo.

    Sono proprio loro, i famosi raggi Uv, che si irradiano dal sole, a donare alla pelle quel piacevole colore ambrato, a donare la tanto amata tintarella, ad abbronzare, inducendo la produzione di melanina, ma, se non si fa attenzione, i rischi sono dietro l’angolo. Infatti, sono sempre loro, i raggi solari a provocare effetti dannosi sulla pelle: quelli più dolorosamente evidenti sono le scottature.

    Non esiste una scottatura solare, ne esistono varie tipologie. Tra le forme più comuni c’è il classico eritema solare, che interessa le aree della pelle più esposte al sole, in particolare il tronco, cioè le spalle, la schiena, la pancia, e il décolleté.

    Strano, ma vero, tra i bersagli preferiti di questo fastidioso problema non c’è il viso, che è colpito meno di frequente: infatti, i raggi, non vi arrivano in modo perpendicolare, quindi, hanno una minore intensità. Nelle scottature di media entità compaiono i flitteni , piccole vesciche, e anche in questo caso le sedi più colpite sono spalle e schiena.

    Per quanto riguarda i rimedi “fai da te”, meglio conoscere le piccole regole di pronto soccorso che fanno sempre comodo. In caso di eritema, per combattere il prurito, i sintomi fastidiosi e, allo stesso tempo, favorire la guarigione della pelle, è possibile utilizzare per qualche giorno una pomata all’ossido di zinco. Nei casi più seri, in presenza di scottature estese, accompagnate dalle bolle, meglio chiedere un parere al medico.

    396

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereEstetica e TrattamentiIn EvidenzaScottatureSole
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI