Soffocamento bambini: regole di prevenzione della SIPPS

Soffocamento bambini: regole di prevenzione della SIPPS

Il soffocamento si aggiudica i primi posti tra le cause di morte nei bambini: ecco alcune regole utili per prevenirlo e reagire al meglio

da in Bambini, Prevenzione, Sanità
Ultimo aggiornamento:

    Soffocamento bimbi, regole di prevenzione

    Il soffocamento da cibo o corpi estranei è il primo responsabile della morte dei più piccoli, che, complici la disattenzione, la scarsa informazione e la mancata prevenzione, possono perdere precocemente la vita per una fatalità, per un boccone di troppo o un giocattolo non conforme alle norme europee. Per scongiurare ogni rischio o, almeno, tentare di proteggere i più piccoli dal rischio soffocamento, ecco un elenco di consigli e regole, stilato dagli esperti della SIPPS (Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale).

    Non introdurre alimenti solidi prima che il bambino sia veramente in grado di masticare bene e di deglutire. Fare molta attenzione a noccioline, caramelle, parti di cibo.

    Giocattoli o altri oggetti destinati ai bambini di età inferiore ai 10 mesi, così come le relative parti staccabili devono avere dimensioni tali da non passare attraverso una sagoma di mm 30 per 50 mm.

    Giochi o altri oggetti destinati ai bambini di età inferiore ai 36 mesi e le relative parti staccabili non devono poter entrare in un cilindretto del diametro di 31,7 mm.

    Al di sotto dei 4 anni, è necessario che il bambino abbia la possibilità di entrare in contatto con bottoni, spille, biglie, giochi smontabili, orecchini, aghi, parti smontabili, monete.


    Non si deve mai lasciare a portata di bimbo tutto ciò che si utilizza per cucire.

    Bisogna evitare il contatto con palline di polistirolo e con perline.

    Se le regole di prevenzione non sono bastate e si verifica il soffocamento, è fondamentale chiamare immediatamente il 118 e, nell’attesa dei soccorsi, effettuare le manovre elementari di soccorso. Infatti, tutti i genitori, così come educatori e persone a stretto contatto con i bambini, dovrebbero essere in grado di praticare la cosiddetta manovra di Heimlich, che consiste in una particolare compressione della “bocca dello stomaco“, per indurre elevazione del diaframma e la liberazione delle vie aeree dal corpo estraneo.

    392

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniPrevenzioneSanità
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI