Smascherato l’enzima chiave della dipendenza da fumo e alcol

Smascherato l’enzima chiave della dipendenza da fumo e alcol

Un team di ricercatori statunitensi potrebbe aver identificato un enzima coinvolto nella comparsa della dipendenza da fumo e alcol, aprendo la strada a ulteriori studi in materia

da in Alcolismo, Dipendenze, Fumo, News Salute, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    enzima chiave della dipendenza da alcol e fumo

    La ricerca scientifica potrebbe aver smascherato uno dei responsabili delle dipendenze più diffuse, quelle da fumo e alcol, un enzima, protagonista del meccanismo di risposta del cervello alle sollecitazioni di nicotina e alcol. Un importante passo in avanti nella lotta alla dipendenza da queste due sostanze, che, in quantità massicce hanno effetti davvero devastanti sull’organismo.

    La scoperta è di un team di ricercatori statunitensi, della Ernest Gallo Clinic and Research Center, Università della California, San Francisco. Identificare l’enzima, che gioca, secondo i risultati della sperimentazione a stelle e strisce, un ruolo chiave nella comparsa della dipendenza, nella risposta del cervello alla nicotina e all’alcol, potrebbe essere un primo step prezioso per la messa a punto di farmaci in grado di trattare, contemporaneamente, la pericolosa dipendenza dalle sigarette e l’abuso di bevande alcoliche.

    L’evidenza è il risultato di una ricerca, condotta su alcune cavie da laboratorio: nel corso di quattro settimane i topi, geneticamente modificati per la mancanza del gene per la proteina chinasi C epsilon (PKC), hanno consumato una quantità minore di una soluzione contenente nicotina rispetto ai topi normali.

    Se le cavie non geneticamente modificate hanno progressivamente aumentato l’assunzione della particolare sostanza, i topi privi di PKC epsilon hanno fatto il contrario.

    “Ciò potrebbe significare che in questi topi potrebbe non esserci lo stesso senso di ricompensa da nicotina o alcol. L’enzima sembra che regoli la parte del sistema di ricompensa che coinvolge questi recettori nicotinici” ha osservato uno dei ricercatori d’oltreoceano.

    323

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlcolismoDipendenzeFumoNews SaluteRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI