Sla: oggi la giornata mondiale

Sla: oggi la giornata mondiale

Oggi si celebra in tutto il mondo la giornata di sensibilizzazione per la Sla, una malattia degenerativa che conduce progressivamente alla paralisi di tutti i muscoli corporei

da in Malattie, Primo Piano, Sclerosi multipla, Sla
Ultimo aggiornamento:

    La giornata mondiale della Sla

    “Il 21 giugno è il primo giorno d’estate, inizia una nuova stagione: facciamo in modo che sia la stagione della solidarietà per i malati di Sla”. E’ questo il motto che anima una giornata importante, che dal 1997, ogni anno, è dedicata alla sensibilizzazione in tutto il mondo su una malattia terribile, che spegne lentamente ogni muscolo del corpo, la Sclerosi Laterale Amiotrofica.

    La giornata mondiale dedicata alla Sla, alla sensibilizzazione, all’informazione e alla solidarietà. Sla, tre semplici lettere simbolo di un male che non ha confini, di una patologia che colpisce milioni di persone in tutto il mondo, tristemente nota come “malattia dei calciatori”, per l’alto tasso d’incidenza tra i professionisti del pallone.

    Si tratta di una malattia degenerativa molto grave, ancora orfana di cura e senza nessuna vera speranza di guarigione, caratterizzata dalla progressiva paralisi di tutti i muscoli del corpo umano. Una patologia che costringe, giorno dopo giorno, all’immobilità completa, senza, spesso, incidere sulle capacità cognitive: nessun movimento, nessuna possibilità di comunicare e nutrirsi autonomamente.


    La qualità della vita del malato subisce un contraccolpo pesantissimo, così come quella delle persone che gli stanno vicino. Il grido di aiuto, l’appello a gran voce dei pazienti, delle loro famiglie e delle associazioni, come l’Aisla, che ha organizzato, proprio per oggi, una manifestazione di protesta, è chiaro: maggiori garanzie di un percorso di continuità assistenziale efficace ed adeguato ai bisogni quotidiani dei malati, possibile se entrasse in vigore il Decreto sui Livelli Essenziali di Assistenza, Lea.

    Immagine tratta da: repubblica.it

    327

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MalattiePrimo PianoSclerosi multiplaSla
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI