Come riconoscere i sintomi del diabete

Il diabete può essere difficile da smascherare tempestivamente, ma per giocare davvero d’anticipo, è necessario imparare a riconoscerne i sintomi principali.

da , il

    Il diabete è una malattia cronica, dalla quale non è ancora davvero possibile guarire completamente, ma con la quale, se riconosciuta tempestivamente, trattata al meglio e gestita quotidianamente con attenzione, si può instaurare una sorta di “convivenza pacifica”. Per giocare d’anticipo, meglio imparare a riconoscere i principali sintomi del diabete, ossia quei campanelli d’allarme da non sottovalutare.

    La poliuria

    La poliuria è l’aumento della minzione. In caso di diabete, a causa della mancanza di insulina, l’organismo produce quantità più elevate del normale di urina. Lo stimolo e la necessità di fare pipì diventano stranamente frequenti.

    La polidispsia

    Un altro sintomo tipico del diabete è l’aumento della sete: se il flusso delle urine diventa eccessivo, l’organismo, per non rischiare la disidratazione, corre ai ripari, innescando, attraverso il cervello, lo stimolo della sete.

    La polifagia

    L’appettito eccessivo è un altro segnale da tenere d’occhio. In presenza di diabete, il corpo non è in grado di utilizzare il glucosio, di conseguenza il cervello, credendo che ci sia necessità di cibo, stimola il centro della fame.

    L’astenia

    L’astenia, la stanchezza insistente e debilitante, è tra gli altri sintomi del diabete, legato al mancato apporto energetico del glucosio.

    Il dimagrimento

    Dimagrimento eccessivo, inspiegabile, non legato a una dieta o a un programma di perdita di peso? Potrebbe essere un sintomo del diabete, provocato sempre dal cattivo o mancato funzionamento dell’insulina.

    I problemi della vista

    Il glucosio che l’organismo non riesce a sfruttare, si accumula nel sangue, provocando una congestione che può avere conseguenze anche sulla vista, causando difficoltà di visione.

    La depressione

    Il diabete può anche farsi sentire con cambiamenti di umore anomali, irritabilità e depressione.