Single: dopo i 40 anni non è un problema

Single: dopo i 40 anni non è un problema

Essere single dopo i 4o anni non è un problema in quanto si è in grado di essere padroni di se stessi e di non incorrere nella depressione

da in Primo Piano, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    single

    Nella nostra società il numero dei single è in aumento secondo una tendenza che oggi porta molte persone a decidere di non sposarsi. Il tutto per vari motivi, per condizioni economiche precarie o per instabili condizioni affettive, difficili da trasformare in durature. Eppure anche se si arriva alla soglia dei 40 anni e si è ancora single non è più un problema.

    Sul “Journal of Social and Personal Relationships” sono stati pubblicati i risultati di un’indagine che descrivono l’immagine dei single che hanno superato i 40 anni, i quali, contro ogni aspettativa, si rivelano tutt’altro che zitelli e incapaci di badare a loro stessi.

    Lo studio, condotto dal Lafayette College di Easton, ha preso in considerazione 1.500 americani fra i 40 e i 76 anni, che hanno risposto ad un questionario che intendeva prendere in esame varie caratteristiche psicologiche, come la capacità di essere autosufficienti, il grado di padronanza personale e la responsabilità della propria vita.

    Tutti questi sono fattori di estrema rilevanza per scongiurare il pericolo di incorrere nella depressione. Gli studiosi hanno avuto la possibilità di riscontrare che tra single e sposati non c’erano molte differenze nell’assunzione di queste caratteristiche psicologiche, visto che entrambi i gruppi erano simili in termini di indipendenza e responsabilità.

    Essere single e avere superato i 40 anni pertanto non è un problema, in quanto si configura come una condizione che non pregiudica affatto quella capacità di badare a se stessi, che si rivela una carta vincente in termini relazionali e nell’evitare di restare in preda dei disturbi depressivi.

    Immagine tratta da: psicologiafamiliare.it

    315

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Primo PianoPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI