Sigarette: smettere di fumare fa bene sempre

Chissà quanti fumatori ricordano la data della prima sigaretta accesa della propria vita come un evento lontanissimo nel tempo avvenuto, magari, chissà…

da , il

    sigaretta

    Chissà quanti fumatori ricordano la data della prima sigaretta accesa della propria vita come un evento lontanissimo nel tempo avvenuto, magari, chissà…. quaranta anni prima e forse più e da allora, non solo non hanno più smesso di fumare, ma, addirittura, hanno incentivato questo nefasto vizio al punto che alla domanda… “ perché non smetti di fumare “, rispondono, “ perché ormai i danni son fatti “, nascondendo così più una mancanza di volontà che altro.

    Eppure smettere è sempre possibile e, anche a distanza di un lustro dalla prima sigaretta, a smettere c’è solo da guadagnarci e, chiaramente, non solo in termini neconomici!

    Il fatto di smettere di fumare infatti, dovrà essere visto come una possibilità per rimettersi bene in buona salute e ciò dipende dalla capacità che ha il nostro organismo di autoripararsi e tali pochi punti lo dimostrerebbero.

    Il primo punto è dato dalla constatazione che la pressione arteriosa e la frequenza cardiaca aumentata a causa del fumo di sigaretta, già dopo venti minuti dall’ultima sigaretta spenta tornano normali.

    Il secondo punto è quello che considera che chi smette di fumare, già dopo due giorni dal momento in cui l’ha fatto, comincia a riassaporare sia gli odori che i sapori.

    Il terzo punto considera che bastano tre mesi dall’ultima sigaretta fumata per assistere al contestuale miglioramento sia della respirazione che della circolazione del sangue.

    Il quarto punto invece considera i benefici acquisiti ad un anno dall’aver smesso e già da allora è possibile ridurre considerevolmente le malattie a carico dell’apparato cardiovascolare.

    Il quinto punto, infine, indica che dopo cinque anni che si sia detto basta al fumo, il rischio di incorrere in neoplasie ai polmoni si è già dimezzato e 15 dopo aver detto addio al fumo…. Il rischio di incorrere in quelle malattie legate al fumo cessa al pari di chi non ha mai acceso una sigaretta in vita propria.