Sigarette: scoperto un altro importante motivo per non fumare

Sigarette: scoperto un altro importante motivo per non fumare

Il fumo di sigaretta causava danni in vari organi ormai è risaputo

da in Benessere, DNA, Fumo, News Salute, Ricerca Medica, Smettere Di Fumare
Ultimo aggiornamento:

    Sigaretta

    Un team di ricercatori della Southwest Foundation for Biomedical Research in Texas, ha scoperto come il fumo provochi degli effetti “profondi” sul DNA (codice genetico) umano. Questo studio, svolto in Texas, è il più ampio che sia mai stato effettuato sulla relazione fumo-DNA. I danni causati dal fumo sul codice genetico sono talmente gravi da intaccare, addirittura, 323 geni molti dei quali nello stesso momento. In passato sono stati effettuati studi simili, ma mai come questo che ha coinvolto ben 1240 persone, di cui 297 fumatori incalliti.

    Che la sigaretta faccia male è noto a tutti, dato che l’OMS (l’Organizzazione Mondiale della Sanità) l’ha inserita tra le sostanze che causano dipendenza, al pari di stupefacenti e alcol. Nonostante queste statistiche è sempre molto difficile smettere per le persone che hanno questo “vizio” . Forse perchè non sanno, con estrema precisione, quali sono i danni causati dal fumo di sigaretta? Durante la combustione della sigaretta si liberano sia agenti tossici che cancerogeni, che provocano effetti tossico-irritativi capaci di determinare, anche, importanti compromissioni del sistema immunitario locale e generale. Può provocare lesioni a carico del sistema polmonare, del sistema cardio-vascolare, del cavo orale e delle prime vie aeree.

    Oltre a tutti questi problemi, di cui alcuni fumatori sono a conoscenza e altri no, grazie all’importante studio condotto in Texas, dai ricercatori guidati dallo studioso Jac Charlesworth, siamo a conoscenza dei danni che il fumo provoca anche più in profondità: nel DNA. I ricercatori hanno individuato cambiamenti significativi nei geni coinvolti in numerose patologie, ricostruendo la mappa del DNA in cui il fumo fa danni: risposta immunitaria, apoptosi cellulare (la morte programmata delle cellule), cancro, meccanismi di segnalazione delle cosiddette “cellule killer” e il metabolismo delle sostanze estranee. Purtroppo il fumo non si limita ad intaccare un singolo gene, ma, secondo il Professor Charlesworth intere reti di comunicazione di geni.

    373

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereDNAFumoNews SaluteRicerca MedicaSmettere Di Fumare
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI