Sicurezza alimentare: Italia a tavola 2010

Sicurezza alimentare: Italia a tavola 2010

Le frodi alimentari rischiano di rovinare le tavole italiane con prodotti contraffatti e di dubbia provenienza: presentato Italia in tavola 2010, il rapporto sulla sicurezza alimentare

da in Alimentazione, In Evidenza, Mangiar Sano, Sanità, Sicurezza alimentare
Ultimo aggiornamento:

    Italia a tavola 2010

    Italia a tavola 2010” è stato presentato da Mdc, Movimento difesa del cittadino, e Legambiente, il VII Rapporto sulla sicurezza alimentare, che dipinge un quadro poco rassicurante della situazione. 700 mila controlli nel 2009, 145 milioni di euro il valore delle merci sequestrate, latte, formaggi, carni e prodotti di qualità i settori più colpiti dalle frodi: ecco alcuni numeri dell’indagine.

    Le frodi alimentari sono sempre più numerose e, stando alle indagini più recenti, anche più colorate. Tra mozzarelle blu, formaggi rosa, latte e uova scaduti sono sempre più numerosi, secondo il rapporto 2010, i pericoli che insidiano la qualità del cibo che finisce sulle tavole degli italiani e che rischiano di minacciare la loro salute.

    Raggiri e inganni: dalle mozzarelle blu, al latte qualificato 100% italiano, prodotto, invece, con il sostanziale contributo di mucche ungheresi di allevamenti dopati con ormoni, fino al vino contraffatto, che ben lontano dal made in Italy dichiarato in etichetta, era di dubbia provenienza e composizione, la fantasia delle frodi alimentari sembra davvero sconfinata.

    Ecco solo uno scorcio di quanto emerge dal rapporto sulla sicurezza alimentare del Movimento Difesa del Cittadino e Legambiente, “Italia in tavola 2010”, che si qualifica come l’analisi più completa e dettagliata del sistema di controllo e prevenzione della filiera agroalimentare.

    Rientrano nella ricerca numeri impressionanti, quelli dei casi dei Carabinieri per la Tutela della Salute (Nas), dell’Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari (Icqrf), dell’Agenzia delle Dogane, del Corpo Forestale, del Sistema di allerta comunitario, delle Capitanerie di Porto, dei Carabinieri per le Politiche Agricole e Alimentari, dei Servizi Igiene degli Alimenti e Nutrizione, dei Servizi Veterinari dei Dipartimenti di Prevenzione delle A.S.L. e dei Laboratori pubblici che operano nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale.

    372

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneIn EvidenzaMangiar SanoSanitàSicurezza alimentare
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI