Si può prendere il sole sotto antibiotico?

Si può prendere il sole sotto antibiotico?

Si può prendere il sole sotto antibiotico? Questi farmaci possono dare effetti collaterali, che consistono in reazioni di fotosensibilizzazione

da in Antibiotici, Farmaci, Sole
Ultimo aggiornamento:

    si puo prendere il sole sotto antibiotico

    Si può prendere il sole sotto antibiotico? E’ una domanda che spesso capita di farsi, quando, curando una determinata malattia, decidiamo di andare al mare e di esporci ai raggi del sole per favorire la nostra abbronzatura. Gli esperti fanno notare che ci potrebbero essere degli effetti collaterali, tenendo conto che alcuni principi attivi potrebbero innescare delle reazioni avverse. Di conseguenza non ci resta che fare attenzione e scoprirne di più sull’argomento, per evitare di rovinare le nostre vacanze e di mettere a rischio il benessere individuale.

    I farmaci implicati

    In particolare si dovrebbero evitare alcuni antibiotici, che sono incompatibili con l’esposizione al sole. Si tratta soprattutto dei sulfamidici, dei chinolonici e delle cicline. Le molecole di questi medicinali, che si utilizzano come cure antibiotiche, possono dare delle reazioni di fotosensibilizzazione.

    In sostanza i principi attivi reagiscono con la luce solare, provocando degli effetti che rientrano nell’ambito delle allergie. Se si ha intenzione di recarsi sulla spiaggia, nel periodo in cui si prendono questi farmaci, è meglio abbandonare l’intenzione, per evitare problemi di salute.

    Gli effetti

    Gli effetti determinati dall’esposizione al sole nel periodo in cui si prendono determinati antibiotici consistono soprattutto in delle conseguenze che possono riguardare la pelle. L’epidermide può andare incontro a delle irritazioni.

    Si possono manifestare degli arrossamenti cutanei, con macchie e, in certi casi, anche con la presenza di bollicine.

    Tutti questi sintomi rientrano a pieno titolo nelle manifestazioni più classiche dell’orticaria. Quest’ultima può interessare un’area più o meno vasta del corpo e si rivela davvero fastidiosa soprattutto per il prurito ad essa associato.

    Si deve anche specificare che spesso queste forme allergiche regrediscono spontaneamente, una volta che si interrompe l’uso del farmaco. Tuttavia dobbiamo stare attenti, perché gli effetti della cura potrebbero risultare inefficaci.

    La precauzione è sempre d’obbligo e, se proprio non si può fare a meno di prendere un determinato farmaco, è sempre meglio parlarne con il proprio medico di fiducia, chiedendo informazioni più precise, anche sulle conseguenze che ne potrebbero derivare.

    Un’altra cosa da fare consiste nel leggere attentamente il foglietto illustrativo, per comprendere più precisamente le conseguenze a cui si potrebbe andare incontro. Il discorso vale sia per gli antibiotici che si assumono per via orale che per quelli che prevedono un’applicazione a livello topico.

    493

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AntibioticiFarmaciSole
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI