Sessualità: poca qualità senza l’autostima

Sessualità: poca qualità senza l’autostima

Il Viagra continua a mietere adepti, clienti che ne fanno uso per le basse prestazioni o per recuperare fiducia nei rapporti sessuali, minati alla base da una autostima scarsa, che nel maschio dipende sempre di più dalla attuale situazione economica critica

da in Benessere, Psicologia
Ultimo aggiornamento:

    Viagra

    Sesso in Italia, tanto VIAGRA, poche le fantasie e in diminuzione le prestazioni mentre aumenta il plateau: uno dei motivi potrebbe essere quello della crisi economica, anche se il realtà dal 1998 il VIAGRA l’ha fatta da padrone nel letto delle coppie, passando da un consumo di 350 mila persone a un consumo di 700 mila persone, che si traduce in un uso continuo di medicinale per riavviare l’attività sessuale quotidiano.

    Ora a peggiorare la situazione è la crisi economica, che ha tolto alle coppie la serenità: il dottor Renato Mannheimer ha dichiarato che l’autostima dell’uomo dipende dal danaro che ha, motivo per cui in questo periodo chi risente della crisi economica soffre e fatica ad avere una vita sessuale regolare. La testimonianza è stata riportata in un saggio su “Sessualità e autostima” redatto per la Società italiana di andrologia. Il risultato è sconcertante: in Italia al momento sette uomini su dieci hanno problemi a letto.

    Il nuovo uomo moderno deve rispondere alle esigenze di una società volubile, che chiede prestazioni lavorative, economiche e mentali, per cui per il sesso, nei momenti di difficoltà, non rimangono né il tempo nè la serenità. Anche se questo fatto è difficile da rivelare, la società italiana di andrologia ha esaminato 800 casi di persone maggiorenni e in età sessuale attiva, per stabilire come e quanto soffrono a letto i nostri uomini, scoprendo un panorama ben poco confortante per la coppia, tenuto conto che anche nell’ambito femminile non sono tutte rose e fiori.

    Evidentemente qualcosa non funziona bene nella nostra società, dato che sia il maschio che la donna hanno perso la capacità di seguire in naturalezza l’istinto sessuale. Eppure la sicurezza al momento è dell’uomo con relazione fissa, che si sente meno vulnerabile rispetto ai coetanei con relazione instabile o single.

    Ma anche il modello di uomo ideale è cambiato, non si apprezzano più i supereroi che colpiscono per la loro prepotenza e forza, piuttosto piacciono quei valori miti e calmi che permettono di riporre fiducia e speranza nel compagno. Niente più superbelli ma veri uomini, consapevoli, sicuri di sè e molto stabili.

    Il problema dell’uomo italiano rimane l’autostima, che nei giovani aumenta, mentre nelle persone mature diminuisce. L’autostima rafforza i legami e rende salde le coppie: essa dipende dalla concezione che ciascuno ha di se stesso, dipende dal valore che si dà da sè e che altri in vari ambiti gli danno, dalla situazione in cui è circoscritta la sua esistenza e la sua vita.

    Riuscire a avere uno scambio e un dialogo di maturazione, nella coppia, è un processo che genera autostima, che riequilibra le rotte degli eventi interiori ed esterni del maschio, per cui il realizzare uno scopo, un obiettivo, rimane un fatto che dipende da come una persona si vede, e di conseguenza dipende da come si comporterà. L’accettazione delle proprie risorse è un fatto fondamentale per non soffrire di poca autostima. La soluzione al problema? Appena notate che ci sono delle sostanziali differenze nel vostro modo di fare sesso e nelle vostre prestazioni recatevi dall’andrologo, per valutare la situazione.

    Immagini tratte da Viagra Box, sito dedicato interamente alla pillola blu, in tutte le sue declinazioni.

    638

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenesserePsicologia
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI