Sessualità: il rosso è il colore dell’attrazione

Sessualità: il rosso è il colore dell’attrazione

Il rosso è davvero il colore della passione e della sessualità: la conferma arriva da uno studio scientifico internazionale

da in Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    Donne attratte dagli uomini in rosso

    Il rosso è da sempre il colore simbolo dell’amore e della passione. Rose rosse sono il dono floreale ideale per far colpo su una donna e darle un messaggio inequivocabile. E per una notte di fuoco, niente di meglio di una sexy lingerie rossa. Ora uno studio conferma il potere attrattivo del colore rosso.

    Già precedenti studi hanno confermato il ruolo particolare del colore rosso in alcuni ambiti della vita, come quello sportivo: tra due combattenti, infatti, un arbitro, inconsapevolmente, tende a premiare maggiormente quello rosso-vestito. Ma ora la scienza si sofferma proprio sul legame tra il colore rosso e la sessualità: sembra che le donne trovino più attraenti gli uomini in cui il colore predominante è il rosso.

    A dirlo è un gruppo di ricercatori dell’Università di Rochester e dell’Università di Monaco, che hanno pubblicato i dati della loro ricerca sulla rivista scientifica Journal of Experimental Psychology”. Gli studiosi hanno coinvolto un gruppo di donne e hanno mostrato loro foto in bianco e nero di alcuni uomini. Le donne dovevano dare un voto da 1 a 9 all’attrazione provata verso gli uomini ritratti. Ogni immagine era, però, incorniciata con un colore differente. È emerso così che gli uomini ritratti nelle foto incorniciate di rosso ottenevano mediamente un punto in più rispetto agli altri.

    “Il rosso è in genere considerato un colore sexy per le donne. I nostri risultati suggeriscono che il legame tra il rosso e il sesso vale anche per gli uomini” spiega uno degli autori dello studio, Andrew Elliott. Rosso colore dell’attrazione e della sensualità, dunque, capace di rendere più sexy uomini e donne. E, stando ai ricercatori, questo varrebbe in qualsiasi tipo di cultura.

    352

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN PsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI