NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Sessualità: i falsi miti dell’eiaculazione precoce

Sessualità: i falsi miti dell’eiaculazione precoce
da in In Evidenza, Malattie, Ricerca Medica, Salute Uomini, Sessualità
Ultimo aggiornamento: Venerdì 24/02/2017 07:07

    eiaculazione precoce falsi miti

    Nonostante l’eiaculazione precoce sia la più diffusa disfunzione sessuale, parlarne sembra ancora un tabù, soprattutto per chi ne soffre. Tanto che l’ultima ricerca in materia, che ha coinvolto diversi Paesi Europei, ha il significativo nome “PE Confidential Survey”, sulla falsa riga del poliziesco “L.A.Confidential”. E proprio la ricerca, condotta da GFK Eurisko, ha permesso di evidenziare ancora alcuni miti esistenti e di sfatare anche alcune credenze ben radicate riguardanti l’eiaculazione precoce. Vediamoli insieme.

    Ne soffrono più frequentemente i giovanissimi? Falso

    eiaculazione precoce giovani

    Così, se avete sempre pensato che fossero soprattutto i giovanissimi e i single ad “andare veloce”, è giunto il momento di ricredersi. Infatti, il maschio italiano più affetto da questo disturbo è giovane sì ma non teenager: ha un’età tra i 31 e i 40 anni e il 76% ha una relazione stabile o duratura. E lo stesso accade in tutta Europa.

    Gli uomini non amano parlare del problema? Vero

    eiaculazione precoce uomini

    La ricerca europea conferma, inoltre, quanto gli uomini non amino parlare del loro problema: tace il 53% degli uomini europei con eiaculazione precoce (con punte del 71% tra gli Inglesi, i più restii a confidarsi). Ma potrebbe sorprendere che tra gli uomini più disposti a parlarne spiccano proprio gli Italiani che si confidano soprattutto con la partner e non con il medico.

    Gli italiani sono i più informati? Vero

    eiaculazione precoce italiani

    Gli uomini italiani sono anche tra coloro che si informano di più: cerca informazioni il 65% dei nostri connazionali, contro un misero 37% degli Inglesi. La fonte principale è internet (lo usa il 54%). Ma nonostante questa voglia di sapere persiste ancora un mito, difficile da sradicare: quello relativo alle cause psicologiche dell’eiaculazione precoce.

    Il problema è spesso di tipo mentale? Vero

    eiaculazione precoce mentale

    Purtroppo per la maggior parte degli uomini del vecchio continente (e gli Italiani non fanno eccezione), l’eiaculazione precoce è ritenuta ancora una questione di testa, mentre è ormai assodato scientificamente che le cause dell’eiaculazione precoce sono mediche: la malattia è associata a una ridotta concentrazione di serotonina, il neurotrasmettitore responsabile, tra le altre cose, del ritardo eiaculatorio.

    Esiste una soluzione farmacologica? Vero

    eiaculazione precoce rimedi

    Una soluzione farmacologica specifica, a base di dapoxetina, è oggi disponibile, e i medici sono ormai sempre più attrezzati per riconoscere le possibili cause di natura fisica del disturbo. Ciò deve spingere sempre più i pazienti a rivolgersi con fiducia al medico. Perché no, aiutati dalle loro partner” consiglia il professor Emmanuele A. Jannini, Coordinatore della Commissione Scientifica della SIAMS (Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità) e del primo Corso di Laurea in Sessuologia dell’Università Italiana, a L’Aquila.

    624

    PIÙ POPOLARI