Semi di girasole: proprietà benefiche, dimagranti e controindicazioni

Diverse sono le proprietà benefiche, dimagranti e le controindicazioni dei semi di girasole. Quali? Scopriamo di più in merito.

da , il

    Diverse sono le proprietà benefiche, dimagranti e le controindicazioni dei semi di girasole: si tratta, infatti, di semi preziosi per la salute dell’organismo, proprio come i semi di zucca, i semi di canapa e i semi di lino; tutti alimenti estremamente ricchi di nutrienti, che possono essere considerati degli integratori naturali a tutti gli effetti. I semi di girasole sono i frutti di una pianta chiamata “Helianthus Annuus” – cioè, il comune girasole – e possono essere consumati sia crudi, che tostati in padella o essiccati, aggiungendoli magari a delle insalate. Ma quali sono i benefici, le proprietà terapeutiche e nutritive di questo importante cibo? Scopriamo di più in merito.

    Proprietà benefiche

    L’acido folico presente all’interno dei semi di girasole è consigliato soprattutto durante la gravidanza, in quanto aiuta il corretto sviluppo del bambino. I semi di girasole contengono, inoltre, le vitamine del gruppo B, la vitamina C e la E: ciò conferisce a questo alimento delle proprietà antiossidanti che permettono di contrastare i radicali liberi e ritardare l’invecchiamento cellulare. I semi di girasole non contengono, inoltre, glutine e sono, dunque, indicati per chi soffre di celiachia, di cui è importante riconoscere i sintomi.

    Proprietà curative

    I semi di girasole – grazie al contenuto di vitamina E e magnesio – sono in grado di alleviare i dolori causati dall’artrite reumatoide e contrastare il mal di testa, la depressione e lo stress, favorendo uno stato generale di relax e calma, rilassando i nervi. I semi di girasole possono, inoltre, essere considerati un antinfiammatorio naturale: è possibile, infatti, assumerli per combattere ulcere, eruzioni cutanee, asma e dolori articolari. Oltre a ciò, i semi di girasole abbassano la pressione sanguigna e combattono le vampate di calore tipiche della menopausa, che ha sintomi specifici.

    Prevenzione

    L’acido linoleico è, invece, un ottimo rimedio naturale per la prevenzione delle malattie cardiovascolari e, dunque, per la protezione del cuore, contrastando il colesterolo LDL e diminuendo il rischio di infarto e ictus. I semi di girasole sono indicati per il buon funzionamento dell’intestino, per la salute delle ossa e per la prevenzione di malattie respiratorie – la vitamina E protegge, infatti, i polmoni dallo stress ossidativo – alcuni tipi di cancro e diabete di tipo 2. Il selenio contenuto nei semi di girasole svolge, inoltre, un ruolo importante nella produzione degli ormoni tiroidei e, oltre a ciò, ripara le cellule danneggiate del nostro DNA.

    Proprietà nutrizionali

    I semi di girasole vantano delle proprietà alimentari notevoli per il benessere del corpo: contengono, infatti, acidi grassi essenziali – come l’acido folico, acido oleico e l’acido linoleico – e vitamine – come la A, quelle del gruppo B, la C, la D e la E – acqua, carboidrati, proteine, fibre, zuccheri – saccarosio – aminoacidi e sali minerali, quali fosforo, potassio, magnesio, zinco, sodio, calcio, ferro, selenio, manganese e rame.

    Proprietà cosmetiche

    I semi di girasole sono, inoltre, impiegati nella preparazione di prodotti per la cura di pelle e capelli: è possibile, ad esempio, utilizzare l’olio di semi di girasole per massaggiare il corpo e rendere tonica ed elastica la pelle, rallentandone l’invecchiamento. Benefici simili è possibile riscontrarli nei capelli: è possibile usare l’olio di semi di girasole per la preparazioni di lozioni con le quali massaggiare il cuoio capelluto.

    Proprietà dimagranti

    I semi di girasole sono utili per dimagrire e perdere peso: agiscono, infatti, sulla massa grassa, ma anche su quella magra.

    Controindicazioni

    Infine, non esistono particolari effetti collaterali legati al consumo di semi di girasole, tranne in presenza di allergie o intolleranze. Se si assumono farmaci, è consigliabile – in ogni caso – chiedere il parere del proprio medico curante.