Scoperta una molecola contro l’irrigidimento delle arterie in menopausa

Un gruppo di ricercatori americani ha scoperto una molecola in grado di porre rimedio all’irrigidimento delle arterie in menopausa

da , il

    menopausa irrigidimento arterie molecola

    Con l’arrivo della menopausa si deve affrontare un nuovo equilibrio ormonale, i cui effetti possono essere molteplici. Fra questi effetti c’è anche l’irrigidimento delle arterie, un disturbo contro il quale non si è riusciti a mettere in atto nessuna terapia specifica. Sull’argomento però le conoscenze si vanno ampliando, infatti alcuni ricercatori della School of Medicine dell’Università del Colorado hanno scoperto una molecola che è capace di migliorare di molto la funzione vascolare. Si tratta della tetraidrobiopterina, chiamata anche BH4.

    Gli studiosi hanno somministrato la molecola a delle pazienti che presentavano una mancanza di estrogeni e hanno avuto modo di verificare che ne è conseguita una dilatazione delle arterie e quindi una riduzione della rigidità delle arterie.

    Delle ottime prospettive quindi si aprono per il futuro sulla questione.

    A questo proposito Kerrie Moreau, a capo dello studio americano, ha dichiarato: “La menopausa è come un processo di invecchiamento accelerato. Quando le donne sono colpite dalla menopausa si nota un veloce declino della salute delle arterie ma grazie alla scoperta del ruolo giocato dal BH4 in questo processo il declino della salute delle arterie non è più inevitabile.

    Insieme all’irrigidimento delle arterie si possono evitare così una serie di disturbi correlati, come le malattie cardiache, l’ipertensione e un più elevato rischio di ictus e di demenza.