Sclerosi multipla, il virus di Epstain-Barr la causa principale della malattia

Sclerosi multipla, il virus di Epstain-Barr la causa principale della malattia

Sclerosi multipla, il virus di Epstain-Barr la causa

da in Malattie, News Salute, Ricerca Medica, Sanità, Sclerosi multipla
Ultimo aggiornamento:

    Sclerosi Multipla

    Una malattia terribile, che costringe a vivere appesi ad un filo, in attesa che il proprio corpo a poco a poco smetta di funzionare. E’ la sclerosi multipla, un incubo per molti italiani e per le loro famiglie. Le speranze di sconfiggere questa malattia risiedono tutte nei progressi della ricerca scientifica. E proprio oggi sembra essere arrivata una riposta importante da parte dei ricercatori.

    La prestigiosa rivista americana “The Journal of Experimental Medicine” ha pubblicato una ricerca condotta dal Dipartimento di Biologia Cellulare e Neuroscienze dell’Istituto Superiore di Sanità, che individua nel virus di Epstein Barr (lo stesso della mononucleosi) la causa principale dell’insorgere della malattia.

    La ricerca, sostenuta anche dalla Fondazione Italiana Sclerosi Multipla, è stata condotta sul materiale autoptico appartenente a 22 pazienti. Da tempo si sospettava che esistesse una relazione tra il virus di Epstein Barr e la sclerosi multipla, tuttavia per la prima volta sono state trovate prove scientifiche a sostegno di questa ipotesi.

    Ovviamente non basta che l’organismo sia affetto dal virus per ammalarsi. Altri fattori, come la predisposizione genetica, giocano infatti un ruolo importante. La ricerca aggiunge però un tassello fondamentale per la lotta alla sclerosi multipla.

    “Si tratta di un risultato straordinario – afferma Enrico Garaci, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità – Per la prima volta l’osservazione di un virus nel cervello di pazienti affetti da sclerosi multipla permette di spiegare contemporaneamente le caratteristiche e i meccanismi della malattia. Ciò significa che da oggi potremo valutare meglio sia le terapie attualmente disponibili sia eventuali strategie di prevenzione.

    292

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MalattieNews SaluteRicerca MedicaSanitàSclerosi multipla
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI