Sciopero dei medici di famiglia revocato

Lo sciopero dei medici di famiglia, in programma dal 9 al 12 febbraio, è stato revocato dopo un incontro dei sindacati con il Ministro del Lavoro

da , il

    Revocato lo sciopero dei medici

    Niente più sciopero per i medici di famiglia, almeno per ora. E’ stato revocato il tanto temuto e tanto minacciato sciopero da parte dei medici di famiglia, che avrebbe dovuto portare alla chiusura “a singhiozzo” di migliaia di studi e ambulatori medici dal 9 al 12 febbraio 2012. I camici bianchi hanno deciso di revocare l’agitazione in programma per i prossimi giorni per protestare contro le misure della manovra ritenute penalizzanti per la categoria.

    Sciopero revocato, ma l’agitazione nella sanità italiana, come confermano gli esponenti della categoria, non è e non può ritenersi completamente “placata”. Dal 9 al 12 febbraio, contrariamente a quanto annunciato nei giorni scorsi, gli ambulatori e gli studi dei medici di famiglia non diventeranno teatro di scioperi e conseguenti disagi per i cittadini, i pazienti.

    La Federazione dei medici di medicina generale Fimmg, in accordo con Sumai (Sindacato Unico Medicina Ambulatoriale Italiana) e Fimp (Federazione Italiana Medici Pediatri), ha, infatti, revocato lo sciopero già in programma, allo scopo di protestare, in modo chiaro e deciso, contro le misure della manovra ritenute penalizzanti per l’Enpam, la cassa previdenziale dei camici bianchi.

    La decisione è avvenuta al termine di un incontro, evidentemente fonte di soddisfazione per la categoria, tra i sindacati e il Ministro del Lavoro, Elsa Fornero. “Il ministro ha ascoltato le nostre argomentazioni, e si è riservata di valutarle nel merito.
Un’apertura che riteniamo adeguata per revocare lo sciopero, pur rimanendo in stato di agitazione” ha osservato il segretario della Fimmg, Giacomo Milillo.