Sardegna, ultrasuoni per curare tumori inesistenti: bufera su una dottoressa

A Tertenia, in Sardegna, Le Iene hanno smascherato una dottoressa estetica che trattava pazienti oncologici promettendo una rapida guarigione utilizzando solo gli ultrasuoni. La dottoressa, non solo si faceva pagare per un metodo non riconosciuto dalla medicina ufficiale, ma diagnosticava tumori inesistenti.

da , il

    inventa_tumori

    Il caso di una dottoressa sarda che inventava i tumori e li curava con gli ultrasuoni è stato smascherato da Le Iene, noto programma in onda su Italia1. Il servizio è stato trasmesso nella puntata del 20 novembre e ha già sollevato diverse polemiche nel mondo della medicina oncologica. La dottoressa di Tertenia, piccolo paese della Sardegna orientale, in provincia di Nuoro, è un medico estetico, si chiama Alba Veronica Puddu e prometteva ai propri pazienti malati di cancro guarigioni miracolose utilizzando solo gli ultrasuoni; ovviamente, dietro il pagamento di sostanziose parcelle. Il caso della dottoressa Puddu, medico estetico ma che trattava pazienti oncologici, era noto alla Asl di Lanusei già dal 2015 ma solo oggi è venuto alla luce grazie all’inchiesta de Le Iene, che sono andate ad indagare dopo aver ricevuto numerose segnalazioni.

    Curare i tumori con gli ultrasuoni

    Utilizzando una telecamera nascosta, l’inviato de Le Iene Silvio Schembri si è presentato dalla dottoressa Puddu per un’ecografia addominale: immediatamente, la dottoressa gli ha diagnosticato un tumore al pancreas e uno al fegato; fortunatamente, il giornalista sapeva benissimo di essere in ottima salute ma è andato avanti chiedendo alla dottoressa come poteva curarsi. Ed è qui che la Puddu tira fuori il suo rimedio miracoloso: i tumori possono essere curati tranquillamente senza metodi invasivi e debilitanti, ma semplicemente utilizzando gli ultrasuoni, per un prezzo intorno ai 1200 euro. Con dieci sedute di ultrasuoni, terapia del calore e iniezioni di plasma, il problema sarebbe stato risolto e non ci sarebbe stato bisogno di ricorrere alla chemioterapia: questa la ricetta della dottoressa di Tertenia che, tuttavia, non appare in nessun protocollo medico ed è ritenuta assolutamente inadeguata dalla medicina ufficiale per quanto riguarda il trattamento di patologie tumorali.

    curare_tumori_ultrasuoni

    Eppure, sono state molte le persone che si sono lasciate convincere della bontà di questa “terapia alternativa” e che si sono messe nelle mani della dottoressa Puddu e che le hanno pagato grosse somme per farsi curare con gli ultrasuoni. Alcuni abitanti della zona hanno dichiarato che centinaia di persone sarebbero guarite con il metodo degli ultrasuoni messo in pratica dalla dottoressa “magica”, addirittura malati che “erano già da seppellire” quando sono arrivati da lei. Ci sono però anche numerose testimonianze di pazienti oncologici che hanno interrotto la terapia chemioterapica per affidarsi allo stravagante metodo e che la vita l’hanno persa davvero.

    Le reazioni

    Nel mondo della medicina oncologica, ovviamente, non sono mancate le reazioni a questa vicenda, che ha riportato l’attenzione di tutti sulle cure alternative per malattie gravi come il cancro. Un oncologo dell’ospedale Niguarda di Torino ha infatti espresso la sua grande preoccupazione sia per la vicenda in sé sia per il dilagare di cure naturali che demonizzano la chemioterapia e promettono ai pazienti una guarigione miracolosa che, in realtà, non potrà esserci; a questo proposito, il consiglio è quello di affidarsi a strutture e a professionisti seri, che eseguano diagnosi reali e affidabili e offrano le migliori cure possibili.