Sanità: nuove date per lo sciopero dei medici

Sanità: nuove date per lo sciopero dei medici

Lo sciopero dei medici cambia date, ma non intenti e obiettivi: la protesta contro le norme del decreto salva Italia si concentra dal 9 al 12 febbraio

da in News Salute, Sanità
Ultimo aggiornamento:

    Sciopero medici, nuove date

    Cambiano le date, ma non lo scopo della protesta e nemmeno l’intenzione di portarla avanti: lo sciopero dei medici di medicina generale, mirato a difendere l’autonomia dell’Enpam, messa a rischio dalle misure previste nella manovra del Governo Monti, è confermato, cambia solo collocazione temporale, “per adeguarsi al rispetto delle norme vigenti”, come ha annunciato in una nota la Fimmg (Federazione Italiana Medici di Medicina Generale).

    La sanità italiana ha scelto la protesta, ma seguendo le regole. La variazione delle date previste per lo sciopero è stata resa necessaria dalle norme inserite all’interno dell’Accordo collettivo nazionale per la medicina generale, che, come sottolineato dalla Fimmg, “considera il sabato giorno lavorativo, prevedendo l’attività del medico di medicina generale sia in termini di disponibilità per le visite domiciliari che di possibile attività ambulatoriale”.

    Ecco le nuove date dello sciopero che coinvolgeranno i medici di medicina generale, ma non solo, anche le ex guardie mediche, ora denominati “medici di continuità assistenziale”, i medici di emergenza sanitaria e quelli dei servizi territoriali.

    Per medici di medicina generale del settore di assistenza primaria, è prevista la chiusura di tutti gli studi il 9 e 10 febbraio, dalle ore 8.00 alle ore 20.00. Sono garantite, come indispensabili, le visite domiciliari urgenti e quelle in assistenza programmata a pazienti terminali, così come le prestazioni di assistenza domiciliare integrata (Adi).

    Lo sciopero, invece, interesserà i medici di continuità assistenziale dall’11 febbraio alle 20.00 del 12 febbraio. “Saranno garantite le prestazioni indispensabili secondo quanto previsto dal comma 4 dell’articolo 31 Acn vigente” hanno precisato dalla Fimmg.

    I medici di emergenza sanitaria incroceranno le braccia l’astensione dal lavoro scatterà dalle ore 8.00 del giorno 11 febbraio alle ore 20.00 del giorno 12 febbraio, garantendo, anche in questo caso, solo le prestazione indispensabili. L’astensione dal lavoro per i medici dei servizi territoriali, invece, scatterà dalle ore 8.00 alle ore 20.00 del 9 febbraio e del 10 febbraio.

    Scioperi e proteste dall’obiettivo chiaro: chiedere e ottenere la modifica del decreto “salva Italia”, per consentire alle casse previdenziali private, in particolare all’Enpam, come ricordato dalla Fimmg, “la possibilità di attingere, sia pure in maniera regolamentata e non strutturale, al patrimonio accantonato dall’Ente senza alcun contributo dello Stato, e tempi adeguati per la formulazione di bilanci tecnici di durata superiore a 30 anni”.

    443

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN News SaluteSanità
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI