Salute: un nuovo dispositivo per diagnosticare l’asma

Ricercatori facenti parte di atenei europei, per cinque anni, porteranno avanti uno studio sullo sviluppo di un dispositivo per diagnosticare le forme di asma

da , il

    salute dispositivo asma

    In un futuro prossimo, uno studio europeo metterà a punto un nuovo dispositivo per poter diagnosticare le forme di asma. Quest’ultima patologia è molto diffusa, e addirittura la forma grave, è presente in 2 abitanti su 100 mila. Malattia che può essere controllata, il meglio possibile, se diagnosticata e trattata tempestivamente. Da qui l’importanza del nuovo dispositivo che verrà messo a punto dagli studiosi europei.

    I ricercatori faranno parte, anche, di alcune Università italiane, tra le quali quella di Catanzaro e del Sacro Cuore. Inoltre, parteciperanno alla ricerca organizzazioni scientifiche e case farmaceutiche. Ma in cosa consiste questo dispositivo? Sarà come un naso “artificiale”, che riuscirà a diagnosticare il tipo di asma presente in ogni singolo paziente. Questo dispositivo, grazie ad una serie di sensori, analizzerà il respiro del paziente, valutando l’identikit molecolare che differenzia i vari tipi di asma.

    Grazie a questo studio, si potranno eseguire diagnosi e terapie specifiche per ogni singolo paziente. Durerà circa 5 anni, durante i quali verranno analizzati, studiati e monitorati pazienti affetti da asma grave, lieve e volontari sani. Grazie a questa scoperta si potranno eseguire degli esami propri e specifici, e non avere diagnosi generalizzate; è un’iniziativa importante e innovativa per la ricerca europea data la diffusione dell’asma.