Salute pelle: pericoli dell’esposizione solare anche d’inverno

Estate è finita, ma il pericolo invecchiamento cutaneo da raggi solari non può davvero considerarsi archiviato: il sole e le rughe vanno a braccetto in tutte le stagioni dell'anno

da , il

    Il sole è pericoloso tutto l’anno

    Estate archiviata e rischi da esposizione solare scampati? Non proprio, infatti, non basta proteggere la pelle durante i mesi più caldi, mentre si è comodamente sdraiati sotto il sole in spiaggia o in montagna: i raggi solari rischiano di essere pericolosi nemici della salute della pelle e subdoli alleati delle odiose rughe tutto l’anno, non solo durante i mesi estivi.

    Il sole non fa distinzioni, quando c’è, anche durante i mesi autunnali, accelera l’invecchiamento del derma, favorendo la comparsa degli antiestetici segni del tempo, soprattutto sulle parti del corpo più esposte anche quando le temperature sono meno roventi, come viso e mani.

    Basta quel piacevole raggio di sole che illumina la scrivania dell’ufficio o quello, meno simpatico, che rischia di rendere la vostra visione meno nitida, che penetra attraverso il finestrino dell’auto mentre siete alla guida per colpire la vostra pelle e, soprattutto, la sua giovinezza.

    Finestre, vetri e finestrini non bastano per bloccare i raggi, impedendo loro di raggiungere la pelle: infatti, queste barriere trasparenti arrestano solo il 50% circa dei raggi ultravioletti.

    Sono ben due le ricerche che confermano la non stagionalità del sole e dei relativi effetti su rughe e invecchiamento dell’epidermide. Una ricerca francese dell’Università di Besacon ha evidenziato come sezioni del viso, esposte in modo differente al sole, tendano a subirne in modo altrettanto diverso gli effetti. Oltre manica anche un gruppo di esperti britannici è giunto a conclusioni simili a quelle francesi: anche basse dosi di raggi Uva, come quelli di una tiepida giornata autunnale, sono in grado di aumentare di ben 50 volte l’espressione di alcuni geni coinvolti nel processo di fotoinvecchiamento della cute.