Salute intestino: regole contro la sindrome del panettone

Salute intestino: regole contro la sindrome del panettone

Ecco cinque semplici regole, stilate dagli esperti, per festeggiare Natale e Capodanno senza compromettere la salute dell'intestino

da in Alimentazione, Benessere, Flora Batterica, In Evidenza, Intestino, Stomaco
Ultimo aggiornamento:

    sindrome panettone intestino

    È stata ribattezzata “sindrome del panettone” quella condizione di disagio e irritazione cui può andare incontro l’intestino in questi giorni di festività, dove pranzi, cenoni, veglioni, brindisi si susseguono in continuazione. Si stima che circa 6 milioni di Italiani potrebbero dover fare i conti con questi disagi gastrointestinali.

    Generalmente, ci si preoccupa di più di superare le feste senza troppi danni alla linea, cui si cercherà di rimediare con la dieta, dimenticando, invece, di prendersi cura della salute di stomaco e intestino. Ecco dunque cinque regole stilate dal professor Attilio Giacosa, Direttore Scientifico del Dipartimento di Gastroenterologia del Gruppo Sanitario Policlinico di Monza.

    Optare per tranquillità e lentezza. “Prendiamocela con calma: il Natale viene una volta l’anno, gustiamoci le pietanze masticando lentamente, perché la prima fase della digestione avviene proprio in bocca, prendiamoci una pausa di 10-15 minuti tra una portata e l’altra” spiega l’esperto. E questo vale in generale non solo a tavola: anche lo stress da regali o da cenone, infatti, non aiuta l’intestino.

    Attenzione a non esagerare.

    Questo vale in particolare per: dolciumi e cibi grassi (panettoni, pandoro, insaccati, formaggi stagionati), difficili da digerire; alcolici e superalcolici, perché l’alcol facilita la risalita dei succhi gastrici all’esofago e può anche favorire l’irritazione intestinale e, infine, bevande ricche di caffeina (caffè, ma anche tè e bibite), perché questa sostanza aumenta la secrezione di acido nello stomaco e mette a rischio la motilità e l’equilibrio intestinale.

    Niente fumo: una regola che vale sempre e a maggior ragione tra una portata e l’altra o a fine pasto. Il fumo rilassa i muscoli della valvola posizionata tra stomaco ed esofago, facilitando così il reflusso e la risalita di cibo e acidi.

    Sì ai fermenti lattici: “Per prevenire l’irritazione e anche per favorire il riequilibrio della flora intestinale è utile assumere un integratore di fermenti lattici probiotici arricchiti con zinco e lattoferrina: la lattoferrina è una sostanza che contribuisce alle naturali difese dell’organismo, mentre lo zinco contribuisce alla protezione dei componenti cellulari dal danno ossidativo e favorisce il normale funzionamento del sistema immunitario” consiglia Giacosa. Probiotici consigliati anche in caso di infezioni batteriche intestinali, per salvaguardare la flora batterica e anche per chi viaggia in luoghi esotici.

    Non dimenticare, infine, l’attività fisica: per contrastare la sedentarietà delle feste e ottenere grandi benefici per la salute, sono ideali le passeggiate (va bene anche una al giorno).

    532

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneBenessereFlora BattericaIn EvidenzaIntestinoStomaco
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI