Salute: allergie anche nei primi mesi dell’anno

Le allergie sono presenti anche nei primi mesi dell’anno, non solo in primavera; queste sono dovute ai pollini di alcune specie di piante, come nocciolo, ontano, carpino e betulla

da , il

    saute allergie mesi

    Le allergie, non danno tregua neanche in inverno, infatti le ritroviamo anche nei primi mesi dell’anno. Generalmente sono disturbi tipici della primavera, dato che ci sono i pollini delle piante fiorite e di tante varietà di fiori. Ma i pollini non si presentano solo nei mesi miti ma anche in questo periodo. La fioritura segue delle regole molto precise e alcune specie sono presenti anche in inverno.

    In questo periodo sono presenti i pollini di alcune specie di piante: nocciolo, ontano, carpino, e anche la betulla ha già cominciato a fiorire, queste sono caratteristiche del Nord Italia; la parietaria delle coste della Penisola e dei laghi. L’esperto che si è occupato della mappatura delle piante è il dottor Claudio Ortolani, direttore dell’Istituto allergologico lombardo nonché membro della squadra di studiosi, che si è occupata di seminare, la città di Milano, di verde. Il dottor Ortolani, spiega come la parte alta dell’Italia sia più colpita dalle allergie, a causa delle piante sopra descritte, mentre in tutte le altre zone è la parietaria a dare problemi.

    Per quanto riguarda la presenza, nello stesso periodo di queste allergie e dei virus influenzali, secondo l’esperto non dovrebbe causare nessun problema, anche perché hanno sintomi differenti facilmente riconoscibili e quindi curabili in maniera specifica. Semmai, potrebbe provocare qualche disturbo lo smog: infatti le polveri sottili possono trasportare gli allergeni sino alle zone più profonde dell’apparato respiratorio, cosa che non può accadere se i pollini sono da soli, date le loro dimensioni. Ecco perché, come sottolinea l’esperto, bisognerebbe ridurre il più possibile il traffico urbano.