Sale: ha la capacità di ridurre lo stress

Sale: ha la capacità di ridurre lo stress

Uno studio condotto dall’Università di Cincinnati ha sottolineato il perché i giovani quando si trovano nei locali, sono rilassati e tranquilli, questo dipende dal sale

da in Alimentazione, Giovani, Ricerca Medica, Stress, ossitocina
Ultimo aggiornamento:

    sale capacita stress

    Uno studio statunitense sottolinea come il sale, normale condimento usato in cucina, ha la capacità di ridurre lo stress. Questa attività spiega il motivo per cui, nei locali, pub e bar, il sabato sera, i giovani sono tranquilli e rilassati. Questa “beatitudine” nella quale si trovano, dipende si dalla compagnia degli amici, dalla musica, dalle bibite, dall’ambiente, ma per una buona percentuale è merito del sale, che si trova negli snack che si trovano in bella mostra sui tavolini o nei banconi.

    Questo è il risultato di uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Cincinnati, guidati dal dottor Eric Krause. Durante la ricerca gli studiosi hanno spiegato il meccanismo, chiamato Watering Hole Effect, che riguarda il perché nei locali si è sempre più rilassati. I ricercatori hanno scoperto che questo meccanismo è dovuto al sale che si trova negli snack, messi a disposizione nei locali.

    Lo studio, pubblicato sul Journal of Neuroscience, è stato condotto sui roditori, ai quali, ad un gruppo, è stato somministrato cloruro di sodio (il sale), il secondo, invece, rappresentava il gruppo di controllo.

    I topi, ai quali è stato somministrato il sale, presentavano degli esami impensabili; sia la pressione arteriosa che la frequenza cardiaca risultavano normali rispetto alla quantità di stress. Questo perché? Il sodio agisce direttamente sui nervi, inibendo l’attività degli ormoni dello stress, presenti in alcune tappe del circuito ipotalamo-ipofisi-surrene. Tra gli ormoni inibiti si parla dell’angiotensina II, mentre il sodio favorisce l’attività degli ormoni anti-stress come l’ossitocina.

    311

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneGiovaniRicerca MedicaStressossitocina
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI