Rosa canina: proprietà e controindicazioni

Rosa canina: proprietà e controindicazioni

rosa canina proprieta controindicazioni

La rosa canina ha molte proprietà terapeutiche. Molto impiegata in omeopatia, è utile contro la diarrea, è consigliata in caso di infiammazioni ed è un vasoprotettore. Inoltre questa pianta viene utilizzata per combattere raffreddore e infezioni. Costituisce un ottimo diuretico. In base a tutto ciò possiamo dire certamente che essa contribuisce in maniera essenziale al nostro benessere generale. Per questo andrebbe ampiamente usata fra i rimedi naturali da tenere sempre a portata di mano. In ogni caso, non dobbiamo dimenticare le controindicazioni: nausea, vomito, disturbi del sonno, che comunque sono rari.

Le proprietà

La rosa canina ha proprietà immunostimolanti e antiallergiche, per questo va bene contro il raffreddore e per rinforzare il sistema immunitario. Basti pensare al fatto che questa pianta contiene una quantità di vitamina C superiore a quella offerta dagli agrumi.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, se ne fece anche uno sciroppo dolce, molto simile alla marmellata, che era rivolto specialmente ai bambini. Oggi sono presenti anche le pillole. Se ne possono fare comunque anche degli infusi utilizzando le foglie, i fiori o le radici, che si dimostrano decongestionanti e tonificanti.

La rosa canina si può utilizzare anche per beneficiare dei vantaggi contro i dolori articolari e i reumatismi, in particolare contro l’artrite reumatoide. Nello specifico, questa pianta aiuta a diminuire la sensazione dolorosa e la rigidità articolare.

Inoltre, previene i calcoli biliari ed alcuni disturbi renali, è in grado di contrastare alcune malattie cardiovascolari, riduce i sintomi delle infezioni del tratto urinario, diminuisce la ritenzione dei liquidi, favorisce l’assorbimento del calcio e del ferro nell’intestino. Da tenere presente che è utile anche in caso di congiuntiviti e di mestruazioni abbondanti.

Le controindicazioni

Le controindicazioni della rosa canina si riferiscono a degli effetti collaterali che comunque si manifestano in maniera rara. In genere, si dovrebbe evitare il sovradosaggio. Quest’ultimo infatti può provocare nausea, vomito, bruciore, crampi allo stomaco, diarrea, mal di testa, disturbi del sonno.

E’ bene evitare di assumere rosa canina durante la gravidanza o in fase di allattamento. Se inalata, la sostanza può scatenare delle reazioni allergiche. Bisognerebbe fare attenzione anche all’interazione fra questa pianta e particolari farmaci, come gli antiacidi, il litio o i medicinali a base di estrogeni. Infatti, la vitamina C può causare dei problemi di assorbimento delle sostanze utilizzate in campo farmaceutico.

481

Leggi anche:Tisana alla rosa canina, per rafforzare le difese immunitariePertosse (o tosse canina) nei bambini e negli adulti: sintomi, rimedi e curaTumore al seno, prevenzione: campagna Nastro Rosa 2010Tumore al seno: al via la "Campagna Nastro Rosa”

Segui Tanta Salute

Ven 15/02/2013 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Natalino 23 febbraio 2013 23:27

siccome ho grande possibilità di procurarmi bacche di rosa canina sono grato a chi può suggerirmi ricette dettagliate (sono molto impacciato in cucina,purtroppo) da utilizzare;sono particolarmente interessate all’uso della rosa canina per l’artrite

Rispondi Segnala abuso
Seguici