Riso: proprietà nutrizionali e benefiche

Il riso ha molte proprietà nutrizionali e benefiche: mantiene sotto controllo la pressione, è adatto ai celiaci, regola l’intestino ed è disintossicante

da , il

    riso proprieta nutrizionali benefiche

    Riso: quali sono le proprietà nutrizionali e benefiche? Da questo punto di vista il quadro è molto vario, in quanto questo alimento è altamente digeribile e riesce a regolare la flora intestinale. Ha molto potassio e poco sodio e, quindi, è veramente indicato per chi soffre di ipertensione. Essendo privo di glutine, può essere consumato anche da chi deve fare i conti con la celiachia. Le sue calorie sono pari a 130 per ogni 100 grammi di prodotto ed è ricco di molti nutrienti. Aiuta a eliminare il gonfiore; se integrale, combatte la stitichezza e ha un indice glicemico più basso rispetto a quello della pasta.

    Le proprietà nutrizionali

    Le proprietà nutrizionali del riso non sono affatto da sottovalutare, anche perché questo cibo è ricco di nutrienti molto importanti per il nostro organismo. Il 90% è costituito dai carboidrati; le proteine rappresentano circa il 7,5% e i grassi l’1,3%. Piuttosto significativa è la presenza limitata delle proteine, ecco perché esse non riescono a formare il glutine e, quindi, l’alimento in questione può essere adatto anche a chi soffre di celiachia. Il valore biologico del riso è, comunque, un po’ più alto rispetto a quello garantito dalle proteine del grano. Per queste sue caratteristiche il riso può essere consumato anche da chi soffre di patologie a carico dei reni e di fenilchetonuria, inoltre è consigliato a chi è ammalato di gotta.

    Calorie 100grCarboidratiGrassiProteineZuccheri
    130 kcal90 g1,3 g7,5 g0 g

    Le proprietà benefiche

    Molte sono le proprietà benefiche del riso. Può essere considerato a tutti gli effetti un alimento rinfrescante e disintossicante, in grado di eliminare il gonfiore intestinale. Se si consuma quello integrale, che è più ricco di fibre, può costituire un valido stimolo per l’evacuazione delle feci, anche se in se stesso ha in genere degli effetti astringenti. Il riso, inoltre, riesce a mantenere sotto controllo la pressione alta, in quanto è ricco di potassio, ma contiene poco sodio. Essendo un alimento altamente digeribile, non affatica lo stomaco, per cui può essere mangiato con tranquillità anche da chi soffre di sonnolenza dopo i pasti.

    Il riso integrale può essere d’aiuto anche a chi soffre di sovrappeso, se viene consumato di tanto in tanto al posto della pasta. Chi soffre di ipercolesterolemia potrebbe mangiare riso rosso almeno tre volte a settimana e riso nero per due volte. Particolari sono le caratteristiche della varietà basmati, che si distingue per il basso apporto di grassi e può essere utilizzato come contorno, magari consumato al posto del pane. Il riso integrale può essere mangiato, anche se con una certa moderazione, pure dai diabetici, in quanto il suo indice glicemico non è molto elevato e, comunque, si mantiene ad un livello più basso rispetto a quello della pasta.