Ricerca medica: novità sull’influenza, sui virus influenzali, di ieri e di oggi

Ricerca medica: novità sull’influenza, sui virus influenzali, di ieri e di oggi

Novità interessanti sul fronte influenza: alcuni scienziati statunitensi potrebbero aver individuato il meccanismo attraverso cui si eliminano i vecchi virus per lasciare spazio ai nuovi

da in Infezioni, Malattie, News Salute, Ricerca Medica, Virus influenzale
Ultimo aggiornamento:

    Dalla ricerca novità sull'influenza

    La ricerca medica ha svelato un altro segreto della tanto temuta influenza e, in particolare, ha dato una spiegazione alla scomparsa di alcuni virus influenzali, che, dopo aver seminato panico e allarmismo, lasciano il posto ad altri ceppi virali.

    Perché alcune influenze pandemiche, come la più recente, A/H1N1, accompagnata da mesi di allarmismi, paure, casi più o meno pericolosi, ha provocato la scomparsa dei ceppi virali responsabili delle ondate influenzali precedenti? Una recente ricerca a stelle e strisce potrebbe aver trovato la risposta a questo interrogativo.

    Secondo quanto emerso dalla sperimentazione, condotta dai ricercatori della Mount Sinai School of Medicine di New York e pubblicata sulla rivista dell’American society of microbiology, Mbio, il responsabile della scomparsa di alcuni virus influenzali di ieri, per lasciare spazio e possibilità di aggressione a quelli di oggi, è il sistema immunitario.

    Infatti, si nasconderebbe proprio tra le difese immunitarie dell’organismo umano il meccanismo alla base di questo “turnover” di virus influenzali. In particolare, il sistema immunitario, secondo gli esperti d’oltreoceano, oltre a cercare di contrastare l’aggressione da parte del virus stagionale di turno, provoca anche l’estinzione dei ceppi virali precedenti.


    Analizzando attentamente i virus influenzali e le loro interazioni con il sistema immunitario, gli scienziati statunitensi hanno evidenziato che i virus dell’influenza “in carica” conservano una caratteristica del vecchio ceppo, il cosiddetto gambo. Riconosciuto l’elemento comune a vecchi e nuovi virus, il sistema immunitario mette in atto una sorta di azione difensiva, che, pur non essendo capace di prevenire la comparsa del nuovo tipo di influenza, ne riduce la gravità provocando, allo stesso tempo, anche la scomparsa delle sue “versioni” precedenti.

    352

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN InfezioniMalattieNews SaluteRicerca MedicaVirus influenzale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI