Riabilitazione: arriva il robot fisioterapista

Riabilitazione: arriva il robot fisioterapista

La ricerca medica va a gonfie vele anche nel recupero delle funzioni di un paziente in corso di riabilitazione motoria, lo dimostra l'ultima novità in tal senso; il robot " fisioterapista "

da in Ictus, Malattie, Ricerca Medica, Trauma cranico, Fisioterapia
Ultimo aggiornamento:

    robot

    Chi lo avrebbe mai detto, nel quadro del programma di riabilitazione mediante ricorso alla fisioterapia entrano in campo persino i robot, allestiti e presto pronti all’uso dal Politecnico di Milano, anche se tali robot per adesso sono ancora nella sola veste di prototipi e nient’altro.

    La caratteristica peculiare di tale nuova creazione scientifica è quella di adattare gli esercizi da far compiere al paziente convalescente a seguito di un ictus o di ogni altra grave malattia invalidante o di un infortunio, ricordiamo gli esiti di un trauma cranico, solo per citarne uno, adattando i movimenti con lo spirito e l’umore manifestato dallo stesso ammalato.

    Infatti, laddove la persona mostrasse nervosismo e stanchezza nei movimenti, il robot “fisioterapista “, interpreterà tale stato d’animo mediante appositi sensori modulando gli sforzi ad hoc ed in perfetto accordo con il paziente.


    Ciò accadrà anche qualora il paziente manifestasse ansia e nervosismo, anche in questo caso il robot renderà sempre meno noioso l’esercizio, accordandolo ancora una volta con il paziente alle cui cure viene affidato; vera e propria fantascienza che però molto presto diventerà pura routine!

    230

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN IctusMalattieRicerca MedicaTrauma cranicoFisioterapia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI