Raw Food: il crudismo

Raw Food: il crudismo

Il cibo crudo mantiene intatte le qualita' organolettiche e la sostanza degli alimenti: abituandosi a mangiare piu' crudo, ci si abituera' a una alimentazione piu' semplice ma piu' appagante

da in Alimentazione, Benessere, Primo Piano, Crudismo
Ultimo aggiornamento:

    Raw_Food

    Cibo crudo e in quantita’ non eccessiva, una tendenza alla moda che arriva direttamente da Hollywood e che piano piano sta prendendo piede in Italia: la moda alimentare del Raw Food impone di consumare cibo crudo nella sua integrita’ e selvatichezza, senza che sia raffinato o trattato.

    Mangiare alimenti crudi, se da un lato puo’ essere considerato un vezzo, dall’altra invece altro non e’ che uno stile alternativo di nutrirsi, che si appaia al vegetarianesimo e al veganesimo, come a tante altre tendenze dello stile alimentare che provengono da altri paesi.

    Quello che puo’ colpire del Raw Food e’ il fatto che, a differenza delle altre mode, e’ quello che piu’ assomiglia alla tendenza a nutrirsi in maniera naturale, con una alimentazione dettata dall’istinto e dai sensi; il cibo crudo e’ una fonte di nutrimento, ma la sua tradizione e’ antica e si fonda sulla mancanza del fuoco per cucinare, una abitudine, in fin dei conti, del tutto preistorica, se vogliamo guardare bene.

    Ma che cosa c’e’ di interessante nel Raw Food? Per chi lo pratica e’ uno stile alimentare che rende felici, piace, perche’ restituisce il gusto e l’odore naturale del cibo, che di solito viene nascosto dalle spezie e dal tipo di cottura che si da al cibo. Il cibo crudo mantiene intatte le sue proprieta’ e per questo e’ naturalmente buono.

    Frutta, verdura e carne, quando sono crude, sono tutte diverse tra loro, molto diverse, e possono diventare un cibo da pietanza e non da contorno: solo l’abitudine a cucinare secondo un certo standard ha relegato il crudo a un qualcosa di secondario, nel Raw Food , al contrario, non e’ cosi’.

    Usare il fuoco per cucinare serve per rendere il cibo piu’ omologato e piu’ appetibile, alterandone le caratteristiche organolettiche e la consistenza, a volte un cibo crudo puo’ sembrare poco appetibile perche’ “strano”, molle, elastico, insomma, piu’ crudo .. ma con la cottura molte naturali risorse del cibo se ne vanno, come le vitamine, le proteine e gli enzimi naturali.

    Per cominciare a mangiare piu’ crudita’ e’ bene partire dai cibi normali, come frutta e verdura, e via via provare a mangiare crudo cio’ che normalmente si mangia cotto, senza esagerare e senza sperimentare stranezze, con il rischio di intossicarsi o di farsi del male.

    Il palato e lo stomaco si abitueranno poi a digerire anche le verdure e la carne, e impareranno anche a amarne il fantastico gusto.

    481

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneBenesserePrimo PianoCrudismo
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI