Rapporti di coppia: over 50 più imprudenti e promiscui degli adolescenti

Rapporti di coppia: over 50 più imprudenti e promiscui degli adolescenti

Adolescenti imprudenti e poco informati circa i rapporti sessuali? Secondo una ricerca inglese in fatto di imprudenza e mancata protezione a letto la maglia nera spetta invece agli over 50

da in AIDS, Benessere
Ultimo aggiornamento:

    rapporti over 50

    Chi ha detto che la passione va scemando dopo i 50 anni? Non sembra affatto così stando a una ricerca condotta su tremila persone che hanno superato il mezzo secolo dalla The Cooperative Pharmacy e riportata sul quotidiano britannico Daily Telegraph. Secondo questa indagine, infatti, c’è un gran fermento sotto le lenzuola anche passati i 50: un quarto degli intervistati, infatti, ha ammesso di tradire il partner o addirittura di avere più relazioni sessuali contemporaneamente.

    Quindi passione sì, ma con qualche “pecca”. E non parliamo solo di tradimento e promiscuità. Dalla ricerca emerge come la fascia d’età dei cinquantenni possa essere considerata, a tutti gli effetti, la più imprudente a letto: un sesto degli intervistati non usa contraccettivi con un nuovo partner. In particolare una persona su tre tra i 51 e i 55 anni ha ammesso di aver avuto una notte di passione non protetta con uno sconosciuto.

    Certo, soprattutto per quanto riguarda le donne, nella maggior parte dei casi a questa età non si corre il rischio di una gravidanza indesiderata ma, ricordiamolo, la mancata protezione durante un rapporto, per di più occasionale o comunque con un partner sconosciuto, è sempre un rischio per la possibilità di contagio di malattie infettive anche gravi, come l’AIDS, una patologia tutt’altro che sconfitta.

    Parliamo spesso delle imprudenze commesse tra le lenzuola dai più giovani, accusati anche di essere poco informati, ma pare che, almeno in Inghilterra, gli adolescenti risultino meno promiscui rispetto agli adulti di oggi quando avevano la loro età: un quinto dei ragazzi con più di 16 anni ha dichiarato la propria verginità. Lo studio, quindi, non conferma l’idea tanto diffusa che gli adolescenti di oggi siano meno attenti rispetto alle generazioni precedenti, ma continua a sollevare il problema della poca protezione sessuale, a tutte le età.

    378

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AIDSBenessere
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI