Ragade anale? Un piccolo taglio ma dal dolore intenso

Le ragadi anali sono un problema molto diffuso ma imbarazzante

da , il

    ragadi anali

    Le ragadi anali insieme alle emorroidi sono disturbi piuttosto comuni, ma pudore e vergogna li rendono quasi invisibili anche se molto dolorosi. Non si conosce ancora la causa che porta alla formazione delle ragadi, ma il principale fattore predisponente è sicuramente la stitichezza, accompagnata da uno scorretto stile di vita, alimentazione sbagliata e/o povera di fibre e acqua, vita sedentaria, stress.

    Le ragadi si presentano come dei piccoli tagli che si formano nella parte esterna dell’ano, verso il coccige e sempre più profonde. È una piccola ferita, quasi insignificante ma che si fa sentire. Infatti, ogni volta che si va in bagno, si scatena un dolore intenso e martellante, che dura anche diverse ore ed è accompagnato da perdite di sangue. I sintomi della ragadi variano anche per intensità e durata: ci sono ragadi che causano bruciori e pruriti o qualche goccia di sangue, altre che provocano dolori irradiati al coccige, ai genitali, talvolta così violenti da costringere il paziente a ritardare la defecazione.

    Questo però aumenta ancora di più il problema della stitichezza, ritrovandosi a fare i conti con uno sforzo maggiore ed un dolore maggiore. Per questo la prima strategia è quella di eliminare la stitichezza e, nel frattempo, alleviare la sensazione di bruciore e dolore con delle pomate specifiche.

    Quindi ricordatevi di seguire un’alimentazione equilibrata e ricca in fibre, come la fibra di psyllium, che, grazie alle sue proprietà di effetto massa, rende le feci morbide e voluminose, migliorando la defecazione e riducendo il dolore. Poi tanta frutta, verdura, cereali integrali e legumi, e almeno 2 litri di acqua al giorno, per una buona regolarità intestinale.

    Inoltre, per lenire il fastidio è utile idratare opportunamente la zona ano-rettale e ridurre lo sfregamento durante l’evacuazione, ad esempio utilizzando gel a base di acido ialuronico e colostro che sono in grado di mantenere un giusto grado d’idratazione favorendo il processo di riepitelizzazione della cute.

    Contenuto di informazione pubblicitaria