Rafforzare la memoria come base per l’intelligenza

Rafforzare la memoria come base per l’intelligenza

Una speranza per chi nella vita si e' sempre sentito un po' piu' tonto rispetto agli altri: secondo le nuove scoperte della scienza si puo' migliorare, dando piu' potere alla memoria e sviluppando un tipo di intelligenza che i ricercatori hanno definito "fluida"

da in Malattie, Ricerca Medica, handicap, memoria-breve
Ultimo aggiornamento:

    Robert Havighurst

    Robert Havighurst

    Una speranza per chi nella vita si e’ sempre sentito un po’ piu’ tonto rispetto agli altri: secondo le nuove scoperte della scienza si puo’ migliorare, dando piu’ potere alla memoria e sviluppando un tipo di intelligenza che i ricercatori hanno definito “fluida”.

    In foto: Robert Havighurst – Developmental Theorist


    L’intelligenza fluida
    fa parte di quel tipo di concetto in evoluzione che tende a distinguere tra due tipi di intelligenza: quella fluida e quella cristallizzata.

    La seconda
    sarebbe una capacita’ di valutazione dei fatti innata e caratteristica di ciascun individuo in parte dovuta alla educazione e al contesto in cui e’ cresciuto (la ha sviluppata), mentre la seconda sarebbe dovuta alle abilita’ di ragionamento “elastiche” del cervello; per questo motivo l’intelligenza fluida e’ indagata in quanto, in situazioni come l’anzianita’ e il ritardo mentale e’ il tipo di intelligenza che va “in freno”.

    L’intelligenza fluida rispecchia le capacità di base e riguarda la velocità nel risolvere i problemi, e i processi di base nel trattare ed elaborare le informazioni (1) e pare essere strettamente legata alle capacita’ della memoria: tenderebbe dunque a diminuire considerevolmente dopo i 70 anni, ma in alcune persone diminuirebbe anche prima, se non esercitata, e secondo i ricercatori l’intelligenza “fluida” è collegata alla memoria breve, che permette di fare velocemente dei passaggi mentali e pratici, che avvantaggiano sul lungo ragionamento.

    Chi e’ esercitato a usare l’intelligenza fluida, e quindi la memoria breve, riesce a superare agevolmente degli ostacoli che per chi non e’ allenato paiono insormontabili: una delle caratteristiche dell’intelligenza mnemonica e’ che piu’ volte si allena il cervello in una tipologia di test, ed e’ il caso dell’esperimento, ad esempio, piu’ il cervello riesce a risolvere i problemi piu’ avanzati, non trovando ostacoli nella parte semplice del problema.

    Starebbe a dire che l’intelligenza si sviluppa in base a quanto e’ sviluppata, che pare un controsenso, ma invece e’ dimostrato che e’ vero: imparare a gestire piu’ problemi in contemporanea, individuare la collocazione spazio – temporale degli elementi e il loro rappor
    to, controllare leperformance e ignorare cio’ che e’ irrilevante, porta un vantaggio che permette di sviluppare una intelligenza liquida sempre piu’ intensa e attiva. (2)

    (1) Angelini
    (2) Fonte: Yahoo Salute – Pensiero Scientifico Editore – Caterina Visco

    481

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MalattieRicerca Medicahandicapmemoria-breve
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI