Punture meduse: muore donna per shock anafilattico

Punture meduse: muore donna per shock anafilattico

Una donna di 69 anni è morta in seguito allo shock anafilattico e a causa del conseguente arresto cardiocircolatorio provocati da una puntura di una medusa, che l'ha sfiorata sulla coscia destra ustionandola

da in News Salute, Pelle, Primo Piano, Shock Anafilattico
Ultimo aggiornamento:

    punture delle meduse

    Le punture delle meduse possono mettere seriamente in pericolo la nostra salute. È bene perciò stare attenti, se ci si vuole difendere da conseguenze che a volte possono essere anche piuttosto gravi. È il caso di un recente fatto di cronaca che ha coinvolto una donna di 69 anni, Maria Furcas, la quale è morta in seguito allo shock anafilattico.

    Quest’ultimo è stato dovuto proprio alla puntura di una medusa e ha determinato un vero e proprio arresto cardiocircolatorio. Tutto si è verificato sul litorale di Porto Tramatzu, a Villaputzu. Normalmente il contatto con le meduse che incontriamo nei nostri mari non provoca conseguenze fatali, anche perché esse sono di dimensioni piuttosto ridotte. Ma per la donna rimasta vittima le cose sembrano essere andate in maniera diversa. Di solito, quando la nostra pelle entra in contatto con i filamenti delle meduse, le conseguenze sono una sensazione dolorosa e un bruciore intenso.

    Poi segue il prurito. Tutte queste conseguenze sono dovute al fatto che le meduse sono in grado di iniettare nella pelle dell’uomo tre proteine che sono urticanti, neurotossiche e paralizzanti. La donna morta in seguito al contatto con la medusa è stata sfiorata alla coscia destra e ha riportato un’ustione. Sentitasi subito male, è stata immediatamente soccorsa, ma non c’è stato nulla da fare.

    In caso di punture di meduse è abitudine ricorrere all’uso dell’ammoniaca, ma la medicina ha avanzato parecchi dubbi su questa pratica. Meglio rivolgersi ad un medico, il quale sarà anche in grado di consigliare l’applicazione di specifiche pomate o creme. È bene anche non grattarsi, per non stimolare l’attività dei muscoli e quindi per non determinare una maggiore diffusione nel nostro organismo delle sostanze tossiche.

    347

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN News SalutePellePrimo PianoShock Anafilattico
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI