Psicoterapia: gestirla meglio con il cellulare

Psicoterapia: gestirla meglio con il cellulare

Gli strumenti tecnologici e in particolare il cellulare potrebbero diventare validi supporti per gestire meglio l’ansia e la depressione tra una seduta e l’altra di psicoterapia

da in Ansia, Primo Piano, Psicologia, Psicoterapia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    psicoterapia cellulare

    La psicoterapia in molti casa è indicata e si presenta come una soluzione fondamentale, per potere sconfiggere ansia e depressione. Ma se pensate che l’analisi oggi può essere affidata soltanto al classico lettino, vi sbagliate di grosso. Sono molti gli aiuti infatti che i moderni strumenti della tecnologia possono dare alla classica psicoterapia.

    Diverse sono già le iniziative a questo proposito, ma piuttosto interessanti appaiono le prospettive che vengono aperte per il futuro. Tra una seduta e l’altra i pazienti possono manifestare disturbi legati all’ansia, che hanno bisogno di essere gestiti nella maniera migliore. Naturalmente non si può avere il proprio psicoterapeuta a disposizione in qualunque momento e quindi si può ricorrere al cellulare. Molto interessanti sono infatti i dati che sono stati pubblicati a questo proposito dal “Journal of Medical Internet Research”.

    Un test portato avanti su 60 soggetti in particolare ha messo in evidenza che le applicazioni per il cellulare sono in grado di mettere in atto in modo più facile le indicazioni fornite dalla psicoterapia, per gestire meglio l’ansia.

    Ci sono dei veri e propri programmi scaricabili, come per esempio “Mobile therapy”, che può risultare molto utile in questo senso.

    Un altro caso da citare al riguardo è quello dei medici del Trinity College di Dublino, che hanno sperimentato per anni un metodo che consiste nel seguire tramite un’applicazione per cellulari adolescenti affetti da depressione. I pazienti hanno modo di annotare e comunicare tutti i loro stati d’animo e le loro emozioni. un’operazione che riesce meglio con il cellulare, visto che i ragazzi sono abituati a scrivere sms.

    Immagine tratta da: www.medicinalive.com

    347

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AnsiaPrimo PianoPsicologiaPsicoterapiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI