Psicologia: sicuri al volante? Ascoltate Norah Jones

Psicologia: sicuri al volante? Ascoltate Norah Jones

La musica che ascoltiamo quando siamo al volante influenza i nostri comportamenti

da in Psicologia
Ultimo aggiornamento:

    Guida sicura

    Guida sicura Sembra una ricerca un po’ fatua ma, visto il numero impressionante di incidenti stradali che si verifica in Italia (siamo al primo posto per numero di vittime in Europa) anche noi dovremmo tenerne conto. Secondo un dossier presentato dalla Université de Neuchâtel in Svizzera, la musica che ascoltiamo all’autoradio influenza i nostri comportamenti alla guida, e in particolare rende più o meno “pesante” il piede sull’acceleratore. Secondo la ricerca, ascoltare musiche che propongono concetti legati alla “mascolinità” e a ritmi più “duri” spingerebbe i soggetti al volante a correre di più. Ma non finisce qui.

    Infatti, un esperimento analogo ha voluto monitorare come cambiava il comportamento alla guida a seconda che si fosse sintonizzati su ballate molto lente (George Benson), musica techno o elettronica. Queste ultime due portano ad esempio ad accrescere il battito cardiaco e, secondo la ricerca, gli effetti sarebbero molto pericolosi: sottostima della velocità a cui si viaggia, aumento del numero di infrazioni commesse.

    Ecco una classifica delle musiche sconsigliate al volante dalla RAC, associazione di categoria degli automobilisti britannici:
    Musiche OK
    1. Gary Jules – “Mad World”
    2. Lemar – “Another Day”
    3. Sugababes – “Too lost in You”
    4. Blue – “Breathe Easy”
    5. Norah Jones – “Come away with me”
    Musiche NO
    1. Wagner “The ride of the Valkyries”
    2. Prodigy – “Firestarter”
    3. Basement Jaxx – “Red Alert”
    4. Faithless – “Insomnia”
    5. Verdi – “Dies Irae (Requiem)”

    260

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Psicologia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI