Psicologia: regole per il rapporto tra padri separati e figli

Psicologia: regole per il rapporto tra padri separati e figli

Il momento della separazione può essere difficile da gestire, soprattutto per quanto riguarda il rapporto tra padri separati e figli

da in Bambini, Benessere, Comportamento, Mente, Psicologia
Ultimo aggiornamento:

    padri separati figli

    Padri separati e figli. Un rapporto spesso difficile, che è piuttosto complesso da mantenere a causa dei vari problemi che possono sorgere all’interno della coppia nel momento della separazione. In ogni caso gli aspetti avvertono che è opportuno mettere in atto alcune regole importanti, che possono aiutare il rapporto tra padri e figli.

    Il punto della centrale della questione è cercare di raggiungere una certa complicità con i bambini. In questo senso può essere fondamentale divertirsi insieme, privilegiando l’aspetto ludico. Molto utili a questo scopo possono essere i tradizionali giochi di movimento, che sono spesso graditi sia dai bambini che dalle bambine. Ma ci sono molte altre attività che i padri possono svolgere insieme ai figli, a partire dalla lettura di storie per arrivare a tutte quelle occasioni in cui può essere bello stare assieme. D’altronde recenti studi hanno mostrato che i bambini crescono più intelligenti con un padre stimolante.

    I bambini hanno bisogno di non sentirsi esclusi, per evitare l’ansia originata dalla separazione dei genitori.

    In questo senso è opportuno predisporre degli spazi in casa appositamente per loro. Altra regola fondamentale è quella di non coinvolgere i figli nelle discussioni e nei conflitti in cui si può incorrere con la separazione. I padri separati non devono parlare male delle madri, perché la madre è una figura fondamentale e i bambini potrebbero sentirsi in colpa. Occorre in sostanza mantenere la serenità in famiglia, nonostante la separazione.

    Molti padri spesso tendono ad accontentare i figli in tutto, perché hanno paura di perdere il loro affetto. In questo campo vige la regola secondo la quale non bisogna evitare i rimproveri, quando questi servono, naturalmente senza esagerare. Inoltre l’acquisto dei giocattoli non dovrebbe essere funzionale a garantirsi l’affetto dei piccoli. Dopo il divertimento, un papà che si rispetti sa fare in modo che i figli adempiano ai loro doveri, anche quando si tratta di dedicarsi ai compiti scolastici.

    386

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniBenessereComportamentoMentePsicologia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI