Psicologia: nuovi eroi fumetti e tv? Esempi negativi

Psicologia: nuovi eroi fumetti e tv? Esempi negativi

La tv, i fumetti e il cinema per i ragazzi sono lettaralmente pieni di eroi sempre meno eroici, esempi negativi, modelli di vita privi di morale e di sani principi, secondo gli psicologi Usa

da in Adolescenti, Bambini, In Evidenza, Psicologia
Ultimo aggiornamento:

    Gli eroi dei fumetti sono esempi negativi

    Passata l’epoca dei fumetti, dei cartoni animati e dei serial tv con protagonisti dalla specchiata moralità, supereroi con un’etica e un senso del dovere e di responsabilità invidiabili, oggi sembra l’epoca degli esempi negativi e gli esperti avvertono: i nuovi eroi, gli eredi senza gloria di superman e l’uomo ragno sono esempi negativi per le giovani generazioni.

    Film, fumetti, giornaletti e video games sono un vero e proprio ricettacolo di esempi pessimi, figure dalle qualità dubbie e dai principi ancora più traballanti, che rischiano di rappresentare modelli pericolosi per i nostri figli e nipoti.

    L’allarme è stato lanciato dagli Stati Uniti e, in particolare, dagli psicologi a stelle e strisce, riuniti durante il congresso annuale dell’American Psychological Association, che sottolineano i rischi per gli adolescenti. Passano gli anni e le nuove icone di televisione, cinema e fumetti, i protagonisti delle sage di fantascienza e delle avventure da copione stanno perdendo sempre più carisma e soprattutto valori positivi.

    Se un tempo era l’epoca di un famoso ladro, che rubava ai ricchi per dare ai poveri, con il cuore colmo di buone intenzioni ora sembra essere giunta l’ora degli scansafatiche, che sgomitano a colpi di furbizia, inganni e violenza.

    Ha puntato il dito contro i nuovi “cattivi” miti d’oggi, eroi sempre meno eroici, tra gli altri esperti statunitensi, anche Sharon Lamb, docente presso l’Università del Massachusetts, che dopo un’attenta anlisi dei gusti e delle preferenze dei teenager del ventunesimo secolo, ha catalogato le nuove icone come maschiliste, sarcastiche, litigiose e vanesie.

    Energumeni ricoperti di muscoli e carenti di contenuti affettivi e morali, che, secondo la psicologa statunitense, sono solo scansafatiche partatori di un messaggio negativo e che “insegnano ai più giovani che essere fannulloni è positivo”.

    379

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AdolescentiBambiniIn EvidenzaPsicologia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI